bug-gnu-emacs
[Top][All Lists]
Advanced

[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

bug#22187: 25.0.50; Synchronize TUTORIAL.it with TUTORIAL


From: Lele Gaifax
Subject: bug#22187: 25.0.50; Synchronize TUTORIAL.it with TUTORIAL
Date: Wed, 16 Dec 2015 21:15:55 +0100
User-agent: Notmuch/0.21 (http://notmuchmail.org) Emacs/25.0.50.24 (x86_64-pc-linux-gnu)

The Italian tutorial contains several typos and lags behind the current
English TUTORIAL.

The attached patch fixes both aspects.

Best regards,
ciao, lele.

diff --git a/etc/tutorials/TUTORIAL.it b/etc/tutorials/TUTORIAL.it
index 300fd22..1eb2573 100644
--- a/etc/tutorials/TUTORIAL.it
+++ b/etc/tutorials/TUTORIAL.it
@@ -1,36 +1,38 @@
 Esercitazione di Emacs.  Condizioni d'uso alla fine del file.
 
 I comandi di Emacs comportano generalmente l'uso del tasto CONTROL (a
-volte indicato con CTRL o CTL) o del tasto META (a volte indicato con EDIT
-o ALT).  Piuttosto che indicarli per esteso ogni volta, useremo le
-seguenti abbreviazioni:
+volte indicato con CTRL o CTL) o del tasto META (a volte indicato con
+EDIT o ALT).  Piuttosto che indicarli per esteso ogni volta, useremo
+le seguenti abbreviazioni:
 
- C-<car>  significa che bisogna tenere abbassato il tasto CONTROL mentre si
-          preme il carattere <car>.  Quindi C-f significa: tieni premuto
-          CONTROL e batti f.
-
- M-<car>  significa che bisogna tenere abbassato il tasto META o EDIT o ALT
-          mentre si preme il carattere <car>.  Se non ci sono tasti META,
-          EDIT o ALT, al loro posto si può premere e poi rilasciare il
-          tasto ESC e quindi premere <car>.  Useremo <ESC> per indicare il
-          tasto ESC.
+ C-<car>  significa che bisogna tenere abbassato il tasto CONTROL
+         mentre si preme il carattere <car>.  Quindi C-f significa:
+         tieni premuto CONTROL e batti f.
+ M-<car>  significa che bisogna tenere abbassato il tasto META o EDIT
+         o ALT mentre si preme il carattere <car>.  Se non ci sono
+         tasti META, EDIT o ALT, al loro posto si può premere e poi
+         rilasciare il tasto ESC e quindi premere <car>.  Useremo
+         <ESC> per indicare il tasto ESC.
 
 Nota importante: per chiudere una sessione di lavoro di Emacs usa C-x
-C-c.  (Due caratteri.)  I caratteri ">>" posti al margine sinistro
-indicano le direttive per provare a usare un comando.  Per esempio:
+C-c (due caratteri).  Per annullare un comando inserito parzialmente
+usa C-g.  I caratteri “>>” posti al margine sinistro indicano le
+direttive per provare a usare un comando.  Per esempio:
 <<Blank lines inserted here by startup of help-with-tutorial>>
->> Adesso premi C-v (Vedi schermata successiva) per spostarti
-   alla prossima schermata.  (Vai avanti, tieni premuto il tasto
-   CONTROL mentre premi v).  D'ora in poi dovrai fare così ogni volta
-   che finisci di leggere lo schermo.
+[Spaziatura inserita a scopo didattico.  Il testo continua sotto]
+>> Adesso premi C-v (vedi schermata successiva) per spostarti alla
+       prossima schermata (vai avanti, tieni premuto il tasto
+       CONTROL mentre premi v).  D'ora in poi dovrai fare così ogni
+       volta che finisci di leggere la schermata.
 
-Si noti che le ultime due righe di ogni schermata appaiono in cima alla
-schermata successiva, favorendo così la continuità di lettura.
+Si noti che le ultime due righe di ogni schermata appaiono in cima
+alla schermata successiva, favorendo così la continuità di lettura.
 
-La prima cosa che bisogna imparare è come raggiungere un certo punto del
-testo.  Sai già come andare avanti di una schermata, con C-v.  Per
-andare indietro di una schermata, premi M-v (tieni premuto il tasto META
-e poi premi v, oppure usa <ESC>v se non c'è un tasto META, EDIT o ALT).
+La prima cosa che bisogna imparare è come raggiungere un certo punto
+del testo.  Sai già come andare avanti di una schermata, con C-v.  Per
+andare indietro di una schermata, premi M-v (tieni premuto il tasto
+META e poi premi v, oppure usa <ESC>v se non c'è un tasto META, EDIT o
+ALT).
 
 >> Ora prova: premi M-v e quindi C-v alcune volte.
 
@@ -38,213 +40,221 @@ e poi premi v, oppure usa <ESC>v se non c'è un tasto 
META, EDIT o ALT).
 * SOMMARIO
 ----------
 
-I comandi seguenti sono utili per visualizzare le varie parti del testo:
+I comandi seguenti sono utili per visualizzare le schermate:
 
-    C-v    Vai avanti di una schermata
-    M-v    Vai indietro di una schermata
-    C-l    Cancella lo schermo e riscrivi tutto il testo, muovendo
-           il testo che si trova vicino al cursore al centro dello
-           schermo.  (Il tasto è CONTROL-L, non CONTROL-1.)
+       C-v     Vai avanti di una schermata
+       M-v     Vai indietro di una schermata
+       C-l     Cancella lo schermo e riscrivi tutto il testo,
+                muovendo il testo che si trova vicino al cursore al
+                centro dello schermo.  (Il tasto è CONTROL-L,
+                non CONTROL-1.)
 
 >> Trova il cursore, osserva quale parte di testo gli è vicina.  Premi
    C-l.  Trova di nuovo il cursore e osserva che si trova sullo stesso
-   punto del testo.
+   punto del testo, ma ora è al centro della schermata.  Se premi C-l
+   di nuovo, il testo verrà posizionato in cima allo schermo.
+   Premendo nuovamente C-l verrà posizionato in fondo.
 
+Puoi anche usare i tasti PagSu (Pag ↑) o PagGiù (Pag ↓) per passare
+alle schermate precedenti o successive, se sono presenti sul tuo
+terminale, ma C-v e M-v consentono una editazione più efficiente.
 
-* CONTROLLO DEL CURSORE
------------------------
 
-Spostarsi da una schermata all'altra è utile, ma come ci si può spostare
-fino ad un certo preciso punto del testo?
+* CONTROLLO DI BASE DEL CURSORE
+-------------------------------
 
-Ci sono diversi modi per farlo.  Il più elementare consiste nell'usare i
-comandi C-p, C-b, C-f, C-n.  Ognuno di essi muove il cursore di una riga o
-di una colonna in una data direzione sullo schermo.  La tabella seguente
-mostra le direzioni in cui operano questi quattro comandi:
+Spostarsi da una schermata all'altra è utile, ma come ci si può
+spostare fino ad un certo preciso punto del testo?
 
-                           Riga precedente, C-p
-                                    :
-                                    :
+Ci sono diversi modi per farlo.  Puoi usare i tasti con le frecce, ma
+è più efficiente tenere le mani nella posizione standard e utilizzare
+i comandi C-p, C-b, C-f e C-n.  Questi caratteri sono equivalenti ai
+quattro tasti con le frecce, in questo modo:
+
+                          Riga precedente, C-p
+                                   :
+                                   :
       Indietro, C-b .... Posizione attuale cursore .... Avanti, C-f
-                                    :
-                                    :
+                                   :
+                                   :
                           Riga successiva, C-n
 
->> Sposta il cursore sulla riga centrale del diagramma qui sopra usando
-   C-n o C-p.  Poi usa C-l per portare il diagramma al centro dello
-   schermo.
+>> Sposta il cursore sulla riga centrale del diagramma qui sopra
+   usando C-n o C-p.  Poi usa C-l per portare il diagramma al centro
+   dello schermo.
 
 Le quattro lettere dei comandi sono mnemoniche in inglese: P per
-precedente (previous), N per successivo (next), B per indietro (backward)
-e F per avanti (forward).  Questi sono tutti i comandi elementari per
-posizionare il cursore, li userai IN CONTINUAZIONE e conviene perciò
-impararli subito.
+precedente (previous), N per successivo (next), B per indietro
+(backward) e F per avanti (forward).  Userai questi comandi elementari
+in continuazione.
 
 >> Usa alcuni C-n per portare il cursore su questa riga.
+
 >> Muovi il cursore sulla riga con C-f e poi in alto con C-p.  Osserva
    l'effetto di un C-p quando il cursore si trova a metà della riga.
 
-Ogni riga di testo termina con un carattere Newline, che serve a separarla
-dalla successiva.  È bene che l'ultima riga del tuo file termini con un
-carattere Newline, benché Emacs non lo richieda.
+Ogni riga di testo termina con un carattere Newline (“a capo”), che
+serve a separarla dalla successiva.  (Di solito l'ultima riga di un
+file termina con un carattere Newline, ma Emacs non lo richiede.)
 
->> Prova a usare C-b all'inizio di una riga.  Sposterà il cursore
-   alla fine della precedente.  Questo avviene perché il cursore ha
+>> Prova a usare C-b all'inizio di una riga.  Sposterà il cursore alla
+   fine della precedente.  Questo avviene perché il cursore ha
    superato all'indietro il carattere Newline.
 
-C-f sposta il cursore avanti attravero il carattere Newline proprio come
-C-b.
+C-f sposta il cursore avanti attraverso il carattere Newline proprio
+come C-b.
 
->> Premi alcune volte C-b per vedere dove si trova il cursore.  Poi usa
-   C-f per tornare alla fine della riga.  Usa quindi C-f per andare alla
-   riga successiva.
+>> Premi alcune volte C-b per vedere dove si trova il cursore.  Poi
+   usa C-f per tornare alla fine della riga.  Usa quindi C-f per
+   andare alla riga successiva.
 
-Quando ci si sposta oltre l'inizio o la fine della schermata, il testo che
-si trova oltre si sposta sullo schermo, ottenendo uno "scorrimento"
-(scrolling).  In questo modo Emacs posiziona il cursore sulla parte di
-testo desiderata senza doverlo portare fuori dallo schermo visibile.
+Quando ci si sposta oltre l'inizio o la fine della schermata, il testo
+che si trova oltre si sposta sullo schermo, ottenendo uno
+“scorrimento” (scrolling).  Questo consente a Emacs di spostare il
+cursore sulla parte di testo desiderata mantenendolo all'interno della
+schermata.
 
->> Prova a muovere il cursore al di là della fine dello schermo con C-n e
-   osserva cosa succede.
+>> Prova a muovere il cursore al di là della fine dello schermo con
+   C-n e osserva cosa succede.
 
-Se lo spostamento di un solo carattere alla volta è troppo lento allora ci
-si può muovere di un'intera parola alla volta.  M-f (META-f) e M-b
-spostano il cursore rispettivamente in avanti e indietro di una parola.
+Se lo spostamento di un solo carattere alla volta è troppo lento
+allora ci si può muovere di un'intera parola alla volta.  M-f (META-f)
+e M-b spostano il cursore rispettivamente in avanti e indietro di una
+parola.
 
 >> Prova alcune volte M-f e M-b.
 
-Quando il cursore è a metà di una parola, M-f lo sposta alla fine della
-stessa.  Quando è sullo spazio bianco tra due parole, M-f lo sposta alla
-fine della parola successiva.  M-b funziona in modo simile ma in direzione
-opposta.
+Quando il cursore è a metà di una parola, M-f lo sposta alla fine
+della stessa.  Quando è sullo spazio bianco tra due parole, M-f lo
+sposta alla fine della parola successiva.  M-b funziona in modo simile
+ma in direzione opposta.
 
->> Ora prova M-f e M-b alcune volte, alternandoli con C-f e C-b così da
-   poter osservare l'azione di M-f e M-b da vari punti tra le parole e
-   sulle stesse.
+>> Ora prova M-f e M-b alcune volte, alternandoli con C-f e C-b così
+   da poter osservare l'azione di M-f e M-b da vari punti tra le
+   parole e sulle stesse.
 
-Osserva il parallelo tra C-f e C-b da una parte e M-f e M-b dall'altra.
-Molto spesso i caratteri con Meta sono usati per operazioni relative alle
-unità definite dal linguaggio (parole, frasi, paragrafi), mentre i
-caratteri con Control operano su unità base indipendenti da ciò che si
-scrive (caratteri, righe, ecc.).
+Osserva il parallelo tra C-f e C-b da una parte e M-f e M-b
+dall'altra.  Molto spesso i caratteri con Meta sono usati per
+operazioni relative alle unità definite dal linguaggio (parole, frasi,
+paragrafi), mentre i caratteri con Control operano su unità base
+indipendenti da ciò che si scrive (caratteri, righe, ecc.).
 
 Questo parallelo funziona anche tra righe e frasi: C-a e C-e spostano
-all'inizio o alla fine di una riga, e M-a e M-e all'inizio o alla fine di
-una frase.
+all'inizio o alla fine di una riga, mentre M-a e M-e all'inizio o alla
+fine di una frase.
 
 >> Prova due C-a e poi due C-e.  Prova due M-a e poi due M-e.
 
 Osserva come un C-a ripetuto non abbia effetto, mentre M-a ripetuti
-continuano a spostare il cursore all'inizio di frasi precendenti.  Sebbene
-questi due ultimi comandi non siano perfettamente analoghi, riteniamo che
-il loro comportamento sia ragionevole.
+continuano a spostare il cursore all'inizio di frasi precedenti.
+Sebbene questi due ultimi comandi non siano perfettamente analoghi,
+riteniamo che il loro comportamento sia ragionevole.
 
-La posizione del cursore nel testo è anche chiamata "punto".  Per meglio
-dire, il cursore mostra sullo schermo dove si trova, al momento, il punto
-nel testo.
+La posizione del cursore nel testo è anche chiamata “punto”.  Per
+meglio dire, il cursore mostra sullo schermo dove si trova, al
+momento, il punto nel testo.
 
-Ecco un sommario delle più semplici operazioni di spostamento del cursore,
-compresi i comandi di spostamento di parola in parola o di frase in frase:
+Ecco un sommario delle più semplici operazioni di spostamento del
+cursore, compresi i comandi di spostamento di parola in parola o di
+frase in frase:
 
-    C-f    Sposta avanti di un carattere
-    C-b    Sposta indietro di un carattere
+       C-f     Sposta avanti di un carattere
+       C-b     Sposta indietro di un carattere
 
-    M-f    Sposta avanti di una parola
-    M-b    Sposta indietro di una parola
+       M-f     Sposta avanti di una parola
+       M-b     Sposta indietro di una parola
 
-    C-n    Sposta alla riga successiva
-    C-p    Sposta alla riga precedente
+       C-n     Sposta alla riga successiva
+       C-p     Sposta alla riga precedente
 
-    C-a    Sposta all'inizio della riga
-    C-e    Sposta alla fine della riga
+       C-a     Sposta all'inizio della riga
+       C-e     Sposta alla fine della riga
 
-    M-a    Sposta all'inizio della frase
-    M-e    Sposta alla fine della frase
+       M-a     Sposta all'inizio della frase
+       M-e     Sposta alla fine della frase
 
->> Prova tutti questi comandi alcune volte per fare pratica.  Questi sono
-   i comandi più usati.
+>> Prova tutti questi comandi alcune volte per fare pratica.
+   Questi sono i comandi più usati.
 
 Altri due importanti comandi di spostamento del cursore sono M-< (META
 Minore-di), che sposta all'inizio dell'intero testo, e M-> (META
 Maggiore-di), che sposta alla fine dell'intero testo.
 
-Su molte tastiere il carattere ">" si raggiunge premendo il tasto SHIFT.
-Su queste tastiere bisogna usare il tasto SHIFT assieme a quello META;
-senza il tasto SHIFT si otterrebbe un carattere diverso.
+Su molte tastiere il carattere “<” trova sopra la virgola, quindi è
+necessario tenere premuto il tasto shift (⇑) per ottenerlo.  Su questi
+terminali dovrai usare il tasto shift per ottenere M-<, perché
+altrimenti digiteresti M-virgola.
 
 >> Prova M-< adesso per andare all'inizio del tutorial.  Poi usa C-v
    ripetutamente per tornare a questo punto.
->> Prova M-> adesso, per andare alla fine del tutorial.  Quindi usa M-v
-   ripetutamente per tornare a questo punto.
 
-Il cursore si può anche spostare con i tasti freccia, se il terminale li
-ha.  Noi raccomandiamo di imparare C-b, C-f, C-n e C-p per tre motivi:
-primo, funzionano su tutti i terminali; secondo, una volta acquisita
-pratica nell'uso di Emacs, ci si accorgerà che raggiungere questi
-caratteri di controllo è più rapido che usare i tasti freccia perché non
-bisogna spostare le mani dalla posizione di scrittura sulla tastiera;
-terzo, una volta acquisita l'abitudine ad usare questi comandi con il
-carattere Control, si può allo stesso modo imparare ad usare altri comandi
-avanzati di spostamento del cursore.
+>> Prova M-> adesso, per andare alla fine del tutorial.  Quindi usa
+   M-v ripetutamente per tornare a questo punto.
 
-Molti comandi di Emacs accettano un argomento numerico che spesso serve a
-conteggiare per quante volte vanno ripetuti.  Il modo in cui si può
-fornire ad un comando il numero di ripetizioni è il seguente: si usa C-u e
-quindi si indicano le cifre prima di impartire il comando stesso.  Se
-esiste un tasto META (o EDIT o ALT) c'è un modo alternativo: si battono le
-cifre tenendo premuto il tasto META.  Noi consigliamo di imparare il
-metodo con C-u perché funziona su tutti i terminali.  L'argomento numerico
-è anche chiamato "argomento prefisso", perché viene indicato prima del
-comando a cui si riferisce.
+Il cursore si può anche spostare con i tasti freccia, se il terminale
+li ha.  Noi raccomandiamo di imparare C-b, C-f, C-n e C-p per tre
+motivi: primo, funzionano su tutti i terminali; secondo, una volta
+acquisita pratica nell'uso di Emacs, ci si accorgerà che raggiungere
+questi caratteri di controllo è più rapido che usare i tasti freccia
+(perché non bisogna spostare le mani dalla posizione di scrittura
+sulla tastiera); terzo, una volta acquisita l'abitudine ad usare
+questi comandi con il carattere Control, si può allo stesso modo
+imparare ad usare altri comandi avanzati di spostamento del cursore.
+
+Molti comandi di Emacs accettano un argomento numerico che spesso
+serve a conteggiare per quante volte vanno ripetuti.  Il modo in cui
+si può fornire ad un comando il numero di ripetizioni è il seguente:
+si usa C-u e quindi si indicano le cifre prima di impartire il comando
+stesso.  Se esiste un tasto META (o EDIT o ALT) c'è un modo
+alternativo: si battono le cifre tenendo premuto il tasto META.  Noi
+consigliamo di imparare il metodo con C-u perché funziona su tutti i
+terminali.  L'argomento numerico è anche chiamato “argomento
+prefisso”, perché viene indicato prima del comando a cui si riferisce.
 
 Per esempio, C-u 8 C-f sposta il cursore in avanti di otto caratteri.
 
->> Prova ad usare C-n, o C-p, con un argomento numerico per spostare il
-   cursore su una riga vicina a questa con un solo comando.
+>> Prova ad usare C-n, o C-p, con un argomento numerico per spostare
+   il cursore su una riga vicina a questa con un solo comando.
 
-La maggior parte dei comandi usa l'argomento numerico come numero delle
-ripetizioni da effettuare, tuttavia alcuni lo usano in modo diverso.
-Altri comandi (ma nessuno di quelli imparati fino ad ora) lo usano come
-indicatore di alternativa: la presenza di un argomento prefisso,
-indipendentemente dal suo valore, modifica il comportamento del comando.
+La maggior parte dei comandi usa l'argomento numerico come numero
+delle ripetizioni da effettuare, tuttavia alcuni lo usano in modo
+diverso.  Altri comandi (ma nessuno di quelli imparati fino ad ora) lo
+usano come indicatore di alternativa: la presenza di un argomento
+prefisso, indipendentemente dal suo valore, modifica il comportamento
+del comando.
 
-C-v e M-v sono un'altra eccezione.  Quando gli si fornisce un argomento
-spostano l'area di testo visualizzato in alto o in basso del numero di
-righe indicato invece che del numero di schermate.  Per esempio, C-u 8 C-v
-fa scorrere lo schermo di 8 righe.
+C-v e M-v sono un'altra eccezione.  Quando gli si fornisce un
+argomento spostano l'area di testo visualizzato in alto o in basso del
+numero di righe indicato invece che del numero di schermate.  Per
+esempio, C-u 8 C-v fa scorrere lo schermo di 8 righe.
 
 >> Ora prova con C-u 8 C-v.
 
-La schermata si sposta di 8 righe verso l'alto.  Se vuoi tornare di nuovo
-in basso puoi usare un argomento numerico con M-v.
+La schermata si sposta di 8 righe verso l'alto.  Se vuoi tornare di
+nuovo in basso puoi usare un argomento numerico con M-v.
 
-Quando si usa un sistema a finestre, come X11 o MS-Windows, ci dovrebbe
+Quando si usa un sistema a finestre, come X o MS-Windows, ci dovrebbe
 essere un'area rettangolare allungata chiamata barra di scorrimento a
 un lato della finestra di Emacs.  Si può far scorrere il testo con un
 click del mouse nella barra di scorrimento.
 
->> Prova a premere il pulsante centrale del mouse sopra all'area
-   evidenziata nella barra di scorrimento.  Verrà visualizzata una parte
-   del testo, più verso l'inizio o la fine, a seconda del punto della
-   barra che il puntatore indicava mentre premevi il pulsante del mouse.
->> Prova a spostare il mouse in su e in giù mentre tieni premuto il
-   pulsante centrale.  Osserva come il testo scorre in su e in giù mentre
-   muovi il mouse.
+Se il tuo mouse dispone di una rotellina, puoi usare anche quella per
+far scorrere il testo.
 
 
 * QUANDO EMACS SI BLOCCA
 ------------------------
 
-Se Emacs smette di rispondere ai comandi può essere fermato in modo sicuro
-premendo C-g.  Si può usare C-g per fermare un comando che sta impiegando
-troppo tempo per l'esecuzione.
+Se Emacs smette di rispondere ai comandi può essere fermato in modo
+sicuro premendo C-g.  Si può usare C-g per fermare un comando che sta
+impiegando troppo tempo per l'esecuzione.
 
-Si può anche usare C-g per annullare un argomento numerico o l'esecuzione
-di un comando che non si vuole più portare a termine.
+Si può anche usare C-g per annullare un argomento numerico o
+l'esecuzione di un comando che non si vuole più portare a termine.
 
->> Batti C-u 100 per indicare un argomento numerico di 100, quindi premi
-   C-g.  Ora premi C-f.  Il cursore si sposta in avanti di un solo
-   carattere perché hai annullato l'argomento numerico con C-g.
+>> Batti C-u 100 per indicare un argomento numerico di 100, quindi
+   premi C-g.  Ora premi C-f.  Il cursore si sposta in avanti di un
+   solo carattere perché hai annullato l'argomento numerico con C-g.
 
 Se hai premuto <ESC> per errore puoi annullare con C-g.
 
@@ -252,170 +262,194 @@ Se hai premuto <ESC> per errore puoi annullare con C-g.
 * COMANDI DISATTIVATI
 ---------------------
 
-Alcuni comandi di Emacs sono "disattivati", così da evitare che utenti
+Alcuni comandi di Emacs sono “disattivati”, così da evitare che utenti
 principianti possano usarli per errore.
 
-Se si inserisce uno dei comandi disattivati Emacs mostra un messaggio in
-cui dice quale sia il comando e chiede se davvero si vuole procedere con
-l'esecuzione.
+Se si inserisce uno dei comandi disattivati Emacs mostra un messaggio
+in cui dice quale sia il comando e chiede se davvero si vuole
+procedere con l'esecuzione.
 
 Se effettivamente si vuole provare il comando bisogna premere la barra
-spaziatrice come risposta a questa domanda.  Normalmente, se non si vuole
-eseguire il comando disattivato, bisogna rispondere alla domanda con "n".
+spaziatrice come risposta a questa domanda.  Normalmente, se non si
+vuole eseguire il comando disattivato, bisogna rispondere alla domanda
+con "n".
 
->> Prova C-x C-l (che è un comando disattivato), poi rispondi con "n" alla
-   domanda.
+>> Prova C-x C-l (che è un comando disattivato), poi rispondi con “n”
+   alla domanda.
 
 
 * FINESTRE
 ----------
 
-Emacs può avere diverse finestre, ognuna contenente il suo testo.
+Emacs può avere diverse “finestre”, ognuna contenente il suo testo.
 Spiegheremo dopo come usare finestre multiple.  Adesso ci occupiamo di
-come eliminare le finestre in più e tornare alla scrittura con una sola
-finestra.  È semplice:
+come eliminare le finestre in più e tornare alla scrittura con una
+sola finestra.  È semplice:
 
-    C-x 1    Una finestra (cioè, elimina tutte le altre finestre).
+       C-x 1   Una finestra (cioè, elimina tutte le altre finestre).
 
 È un CONTROL-x seguito dalla cifra 1.  C-x 1 espande la finestra che
-continene il cursore su tutto lo schermo ed elimina tutte le altre
+contiene il cursore su tutto lo schermo ed elimina tutte le altre
 finestre.
 
 >> Sposta il cursore su questa riga e poi batti C-u 0 C-l.
+
 >> Batti C-h k C-f.  Osserva come questa finestra viene rimpicciolita
    mentre ne appare un'altra che contiene la spiegazione del comando
    CONTROL-f.
+
 >> Batti C-x 1 e guarda come la finestra contenente la spiegazione
    scompare.
 
-Questo comando è diverso da tutti quelli imparati finora perché contiene
-due caratteri.  Inizia con il carattere CONTROL-x.  C'è un'ampia serie di
-comandi che iniziano con CONTROL-x; molti di essi riguardano finestre,
-file, buffer, e cose simili.  Questi comandi possono essere lunghi due,
-tre o quattro caratteri.
+C'è un'ampia serie di comandi che iniziano con CONTROL-x; molti di
+essi riguardano finestre, file, buffer e cose simili.  Questi comandi
+possono essere lunghi due, tre o quattro caratteri.
 
 
 * INSERIMENTO E CANCELLAZIONE
 -----------------------------
 
 Per inserire del testo basta premere i tasti corrispondenti alle varie
-lettere che lo compongono.  I caratteri visibili, come A, 7, *, ecc., sono
-considerati testo e inseriti immediatamente.  Si usa <Return> (il tasto
-Invio) per inserire un carattere Newline.
+lettere che lo compongono.  I caratteri visibili, come A, 7, *, ecc.,
+sono considerati testo e inseriti immediatamente.  Per inserire un
+Newline usa il tasto <Invio> (a volte contrassegnato col simbolo ↲).
 
-L'ultimo carattere inserito si cancella usando <Delete>.  <Delete> è un
-tasto che si trova sulla tastiera e che potrebbe essere etichettato come
-"Del" o "Canc".  Spesso il tasto "Backspace" (quello con la freccia
-rivolta verso sinistra sopra il tasto Invio) serve da <Delete>, ma non
-sempre!
+Per cancellare il carattere immediatamente prima del cursore, digita
+<DEL>: solitamente è un tasto più largo del normale etichettato con
+“Backspace” o con una freccia che punta a sinistra, sopra il tasto
+<Invio>; generalmente elimina l'ultimo carattere inserito
 
-Più in generale <Delete> cancella il carattere posto immediatamente prima
-della posizione attuale del cursore.
+Può esserci un altro tasto etichettato “Canc”, ma non è quello a cui
+ci riferiamo con <DEL>.
 
->> Prova questo adesso - batti alcuni caratteri e poi cancellali con
-   <Delete> ripetuto alcune volte.  Non preoccuparti delle modifiche fatte
-   a questo file: l'esercitazione principale rimarrà intatta, quella che
-   stai usando ne è una tua copia personale.
+>> Prova questo adesso: batti alcuni caratteri e poi cancellali con
+   <DEL> ripetuto alcune volte.  Non preoccuparti delle modifiche
+   fatte a questo file: l'esercitazione principale rimarrà intatta,
+   quella che stai usando ne è una tua copia personale.
 
-Quando una riga di testo diventa troppo lunga per essere visualizzata su
-una riga di schermo essa viene "continuata" su una seconda riga dello
-schermo.  Un carattere barra retroversa («\») posto accanto al margine
-sinistro indica la prosecuzione della riga precedente.  Quando si usa un
-sistema a finestre grafico, invece della barra retroversa comparirà una
-piccola freccia ricurva.
+Quando una riga di testo diventa troppo lunga per essere visualizzata
+su una riga di schermo viene spezzata e “continua” su una seconda riga
+dello schermo.  Se stai usando un sistema a finestre grafico,
+compaiono delle piccole frecce ricurve ai lati del testo (nelle
+“frange” sinistra e destra), indicando che la riga continua.  Su un
+terminale testuale, la continuazione viene indicata da una barra
+rovescia (“\”) nell'ultima colonna a destra.
 
 >> Inserisci del testo fino a raggiungere il margine destro e poi
    continua.  Vedrai apparire la prosecuzione della riga.
->> Usa <Delete> per cancellare il testo fino a quando la riga di testo è
+
+>> Usa <DEL> per cancellare il testo fino a quando la riga di testo è
    di nuovo tutta contenuta in una sola riga dello schermo.  La
    prosecuzione alla riga successiva scompare.
 
-Si può cancellare un carattere Newline ("a capo", è un carattere che ha un
-effetto ma non viene visualizzato esplicitamente) proprio come ogni altro.
+Si può cancellare un carattere Newline proprio come ogni altro.
 Quando si cancella il carattere Newline che separa due righe queste
-vengono unite in una riga sola.  Se la riga risultante è troppo lunga per
-essere contenuta dallo schermo allora sarà continuata nella riga
+vengono unite in una riga sola.  Se la riga risultante è troppo lunga
+per essere contenuta dallo schermo allora sarà continuata nella riga
 successiva.
 
->> Muovi il cursore all'inizio di una riga e poi premi <Delete>.  Questo
+>> Muovi il cursore all'inizio di una riga e poi premi <DEL>.  Questo
    unisce la riga alla precedente.
+
 >> Premi <Invio> per inserire di nuovo il carattere Newline che hai
    cancellato.
 
-Si ricordi che la maggior parte dei comandi di Emacs può ricevere un
-argomento numerico, compresi i caratteri per inserire il testo.  Quando si
-ripete un carattere di testo questo viene inserito un certo numero di
-volte.
+Il tasto <Invio> è speciale in quanto può implicare più del semplice
+inserimento di un carattere Newline.  A seconda del testo circostante,
+può inserire degli spazi dopo l'“a capo” in modo tale che inserendo
+ulteriori caratteri nella nuova riga, il testo rimanga allineato con
+quello nelle righe precedenti.  Questo comportamento (cioè quando
+premendo un tasto vengono eseguite ulteriori azioni rispetto al
+semplice inserimento del carattere stesso) viene chiamato “elettrico”.
 
->> Prova adesso - inserisci C-u 8 * per ottenere ********.
+>> Questo è un esempio del comportamento “elettrico” di <Invio>
+   Inserisci un <Invio> alla fine di questa riga.
 
-Fino ad ora si è visto il modo più semplice di inserire testo in Emacs e
-di correggere gli errori.  In modo analogo è possibile cancellare parola
-per parola o riga per riga.  Ecco un sommario delle operazioni di
+Dovresti vedere che dopo essere andato a capo, Emacs ha inserito degli
+spazi per allineare il cursore sotto la “I” di “Inserisci”.
+
+Ricorda che la maggior parte dei comandi di Emacs può ricevere un
+argomento numerico, compresi i caratteri per inserire il testo.
+Quando si ripete un carattere di testo questo viene inserito un certo
+numero di volte.
+
+>> Prova adesso: inserisci C-u 8 * per ottenere ********.
+
+Fino ad ora si è visto il modo più semplice di inserire testo in Emacs
+e di correggere gli errori.  In modo analogo è possibile cancellare
+parole o righe di testo.  Ecco un sommario delle operazioni di
 cancellazione:
 
-    <Delete>    cancella il carattere posto subito prima del cursore
-    C-d         cancella il carattere posto subito dopo il cursore
+       <DEL>   cancella il carattere posto subito prima del cursore
+       C-d     cancella il carattere posto subito dopo il cursore
 
-    M-<Delete>  elimina la parola posta prima del cursore
-    M-d         elimina la parola posta subito dopo il cursore
+       M-<DEL> elimina la parola posta prima del cursore
+       M-d     elimina la parola posta subito dopo il cursore
 
-    C-k         cancella dalla posizione del cursore fino a fine riga
-    M-k         cancella fino alla fine della frase corrente.
+       C-k     cancella dalla posizione del cursore fino a fine riga
+       M-k     cancella fino alla fine della frase corrente.
 
-Si osservi che <Delete> e C-d da una parte e M-<Delete> e M-d dall'altra
-estendono il parallelo tra C-f e M-f (a dire il vero, <Delete> non è un
-vero e proprio carattere di controllo, ma non preoccupiamoci di questo).
-C-k è simile a C-e e M-k è simile a M-e, nel senso che i primi operano su
-righe e i secondi su frasi.
+Si osservi che <DEL> e C-d da una parte e M-<DEL> e M-d dall'altra
+estendono il parallelo tra C-f e M-f (a dire il vero, <DEL> non è un
+vero e proprio carattere di controllo, ma non preoccupiamoci di
+questo).  C-k è simile a C-e e M-k è simile a M-e, nel senso che i
+primi operano su righe e i secondi su frasi.
 
-Si può anche cancellare una qualsiasi parte del buffer in modo uniforme:
-si sposta il cursore alla fine di quella parte e poi si usa C-@ o C-SPC
-(uno o l'altro, SPC è la Barra Spaziatrice), poi si muove il cursore
-all'altro estremo della zona e si preme C-w.  Questo cancella tutto il
-testo posto tra i due estremi.
+Si può anche cancellare una qualsiasi parte del buffer in modo
+uniforme: si sposta il cursore alla fine di quella parte e poi si usa
+C-<SPC> (<SPC> è la barra spaziatrice), poi si muove il cursore
+all'altro estremo della zona.  Una volta fatto, Emacs evidenzia il
+testo compreso tra il cursore e la posizione dove hai digitato
+C-<SPC>.  A questo punto premendo C-w il testo evidenziato viene
+eliminato.
 
->> Sposta il cursore sulla P all'inizio del paragrafo precedente.  Premi
-   C-SPC.  Emacs dovrebbe mostrarti il messaggio "Mark set" nella parte
-   bassa dello schermo.  Muovi il cursore sulla s di "estremi" del
-   paragrafo precedente.  Premi C-w.  Questo cancellerà il testo a partire
-   dalla "P" e fino alla lettera che precede "s".
+>> Sposta il cursore sulla “S” all'inizio del paragrafo precedente.
+>> Premi C-<SPC>.  Emacs dovrebbe mostrarti il messaggio "Mark set"
+   nella parte bassa dello schermo.
+>> Muovi il cursore sulla “o” di “sposta”, nella seconda riga del
+   paragrafo.
+>> Premi C-w.  Questo eliminerà il testo a partire dalla "S" e fino
+   alla lettera che precede “o”.
 
-La differenza tra "killing" (eliminazione) e "deleting" (cancellazione) è
-che il testo "eliminato" può essere inserito di nuovo, mentre quello che
-viene cancellato non si può recuperare.  L'operazione di reinserimento del
-testo soppresso si chiama "yanking".  In genere i comandi che possono
-rimuovere molto testo fanno un'operazione di eliminazione (così da poterlo
-eventualmente reinserire), mentre i comandi che rimuovono un solo
-carattere o solo righe vuote e spazi effettuano una cancellazione (quindi
-non è possibile recuperare quel testo).
+La differenza tra “eliminazione” (“killing”) e “cancellazione”
+(“deleting”) è che il testo “eliminato” può essere inserito di nuovo
+(in qualsiasi posizione), mentre quello che viene cancellato non può
+essere reinserito nello stesso modo (si può comunque annullare una
+cancellazione, vedi sotto).  L'operazione di reinserimento del testo
+cancellato si chiama “yanking”.  In genere i comandi che possono
+rimuovere molto testo lo eliminano (così da poterlo eventualmente
+reinserire), mentre i comandi che rimuovono un solo carattere o solo
+righe vuote e spazi effettuano una cancellazione (quindi non è
+possibile recuperare quel testo).  <DEL> e C-d eseguono una
+cancellazione nel caso più semplice, senza un argomento.  Con un
+argomento invece eliminano il testo.
 
->> Muovi il cursore all'inizio di una riga non vuota.  Usa C-k per
-   eliminare il testo di quella riga.  Premi C-k una seconda volta.  Ti
-   accorgerai di come viene cancellato il carattere Newline posto dopo la
-   riga stessa.
+>> Muovi il cursore all'inizio di una riga non vuota, poi usa C-k per
+   eliminare il testo di quella riga.
+>> Premi C-k una seconda volta.  Ti accorgerai di come viene
+   eliminato il carattere Newline posto dopo la riga stessa.
 
 Si noti che un singolo C-k elimina il contenuto di una sola riga, un
-secondo C-k cancella la riga stessa, e fa spostare in alto tutte le righe
-successive.  C-k usa un eventuale argomento numerico in modo speciale:
-elimina quel numero di righe ed il loro contenuto.  Non è una semplice
-ripetizione del comando.  C-u 2 C-k elimina due righe e i rispettivi
-caratteri Newline; battere due volte C-k sarebbe diverso.
+secondo C-k elimina la riga stessa, facendo spostare in alto tutte le
+righe successive.  C-k usa un eventuale argomento numerico in modo
+speciale: elimina quel numero di righe ED il loro contenuto.  Non è
+una semplice ripetizione del comando.  C-u 2 C-k elimina due righe e i
+rispettivi caratteri Newline; battere due volte C-k sarebbe diverso.
 
-Recuperare il testo eliminato è un'operazione chiamata "yanking".
-(Significa "strappare", si deve pensare di riprendere del testo che era
-stato portato via).  Si può recuperare il testo che è stato eliminato sia
-nella sua posizione originaria che in un altro punto del buffer o anche in
-un diverso file.  Si può reinserire diverse volte, facendone copie
-multiple.
+Puoi reinserire il testo eliminato sia nella stessa posizione dove è
+stato rimosso, in un altro punto del testo che stai modificando,
+oppure in un file diverso.  Puoi reinserire lo stesso testo diverse
+volte, facendone copie multiple.  Altri editor usano termini diversi
+per queste operazioni, tipicamente “taglia” e “incolla” (consulta il
+Glossario nel manuale di Emacs).
 
 Il comando per fare "yanking" è C-y.  Inserisce il testo eliminato per
 ultimo nel punto in cui si trova attualmente il cursore.
 
 >> Prova: premi C-y per recuperare il testo di prima.
 
-Se si eseguono operazioni di eliminazione immediatamente successive il
-testo eliminato è considerato un tutt'uno e quindi un solo C-y inserirà
+Se si eseguono operazioni di eliminazione consecutive il testo
+eliminato è considerato un tutt'uno e quindi un solo C-y inserirà
 quelle righe tutte assieme.
 
 >> Prova adesso, premi C-k alcune volte.
@@ -423,56 +457,55 @@ quelle righe tutte assieme.
 Adesso, per recuperare il testo eliminato:
 
 >> Premi C-y.  Sposta il cursore alcune righe più in basso e premi di
-   nuovo C-y.  Hai appena visto come copiare una parte di testo.
+   nuovo C-y.  Hai appena visto come duplicare una parte di testo.
 
 Cosa succede se c'è del testo da recuperare tra quello eliminato ma è
 stato eliminato altro testo dopo di esso?  C-y restituirebbe il testo
-dell'ultima eliminazione, tuttavia il testo eliminato in precedenza non è
-perso.  Si recupera con il comando M-y.  Dopo aver usato C-y per
-recuperare il testo più recentemente eliminato, un M-y sostituisce quel
-testo con quello dell'eliminazione precedente.  Premere M-y altre volte
-recupera il testo delle eliminazioni via via precedenti.  Quando è stato
-trovato il testo cercato non si deve fare altro per tenerlo.  Si può
-andare avanti con la scrittura lasciando il testo recuperato dove si
-trova.
+dell'ultima eliminazione, tuttavia il testo eliminato in precedenza
+non è perso.  Si recupera con il comando M-y.  Dopo aver usato C-y per
+recuperare il testo più recentemente eliminato, un M-y sostituisce
+quel testo con quello dell'eliminazione precedente.  Premendo M-y in
+successione si recupera il testo delle eliminazioni via via
+precedenti.  Quando è stato trovato il testo cercato non si deve fare
+altro per tenerlo.  Si può andare avanti con la scrittura lasciando il
+testo recuperato dove si trova.
 
-Quando si usa M-y un certo numero di volte si arriva di nuovo al testo di
-partenza (quello eliminato per ultimo).
+Quando si usa M-y un certo numero di volte si arriva di nuovo al testo
+di partenza (quello eliminato per ultimo).
 
->> Elimina una riga, sposta il cursore, elimina un'altra riga.  Usa C-y per
-   recuperare la seconda riga eliminata.  Premi M-y e verrà sostituita
-   dalla riga eliminata prima.  Usa di nuovo M-y e osserva cosa succede.
-   Continua fino a quando non ritrovi la riga che avevi eliminato per
-   seconda.  Se vuoi puoi usare un argomento numerico sia positivo che
-   negativo per M-y.
+>> Elimina una riga, sposta il cursore, elimina un'altra riga.
+   Premi C-y per recuperare la seconda riga eliminata.
+   Premi M-y e verrà sostituita dalla riga eliminata prima.
+   Usa di nuovo M-y e osserva cosa succede.  Continua fino a quando
+   non ritrovi la riga che avevi eliminato per seconda.  Se vuoi puoi
+   usare un argomento numerico sia positivo che negativo per M-y.
 
 
 * ANNULLAMENTO
 --------------
 
 Se si modifica il testo e subito dopo ci si accorge di aver fatto un
-errore si può annullare la modifica con il comando di annullamento C-x u.
+errore si può annullare la modifica con il comando di annullamento,
+C-/.
 
-Normalmente C-x u annulla le modifiche fatte da un solo comando; se si usa
-C-x u alcune volte di seguito ogni ripetizione annulla un comando
-precedente.
+Normalmente C-/ annulla le modifiche fatte da un solo comando; se si
+usa C-/ di seguito ogni ripetizione annulla un ulteriore comando.
 
-Ci sono due eccezioni: i comandi che non modificano il testo non contano,
-tra questi i comandi di spostamento del cursore e quelli di scorrimento
-del testo; i caratteri inseriti nel testo sono gestiti in gruppi, fino a
-20 elementi, ciò per ridurre il numero di C-x u da usare per annullare
-l'inserimento del testo.
+Ci sono due eccezioni: i comandi che non modificano il testo non
+contano, tra questi i comandi di spostamento del cursore e quelli di
+scorrimento del testo; i caratteri inseriti nel testo sono gestiti in
+gruppi, fino a 20 elementi (al fine di ridurre il numero di C-/ da
+usare per annullare l'inserimento del testo).
 
->> Elimina questa riga con C-k poi usa C-x u e guardala ricomparire.
+>> Elimina questa riga con C-k poi usa C-/ e dovrebbe ricomparire.
 
-C-_ è un comando di annullamento alternativo; funziona come C-x u ma è più
-semplice da inserire più volte di seguito.  Lo svantaggio di C-_ è che su
-alcune tastiere non è di inserimento immediato.  Ecco perché abbiamo
-previsto anche C-x u.  Su alcuni terminali si può ottenere C-_ dal simbolo
-/ mentre si tiene premuto il tasto CONTROL.
+C-_ è un comando di annullamento alternativo, funziona esattamente
+come C-/.  Su alcuni terminali, la sequenza C-/ invia effettivamente
+C-_ a Emacs.  Alternativamente, anche C-x u ha la stessa funzione di
+C-/, ma è leggermente più scomoda da inserire.
 
-Un argomento numerico per C-x u o C-_ agisce come numero delle ripetizioni
-da effettuare.
+Un argomento numerico per C-/, C-_ o C-x u agisce come numero delle
+ripetizioni da effettuare.
 
 Si può annullare la cancellazione del testo proprio come se ne annulla
 l'eliminazione.  La distinzione tra l'eliminazione e la cancellazione
@@ -483,337 +516,361 @@ differenza rispetto all'operazione di annullamento.
 * FILE
 ------
 
-Per conservare in modo permanente il testo inserito biaogna conservarlo in
-un file, altrimenti sarà perso al termine dell'esecuzione di Emacs.  Per
-inserire il testo in un file bisogna aprire quel file prima di comporre il
-testo.  (Questa operazione si chiama anche "visita" del file.)
+Per conservare in modo permanente il testo inserito bisogna
+conservarlo in un file, altrimenti sarà perso al termine
+dell'esecuzione di Emacs.  Per inserire il testo in un file bisogna
+aprire quel file prima di comporre il testo.  (Questa operazione si
+chiama anche “visita” del file.)
 
-Aprire un file significa osservarne il contenuto all'interno di Emacs.
-Per molti versi è come se si operasse sul file stesso, tuttavia le
-modifiche apportate al contenuto non sono definitive fino a quando non si
-"salva" il file.  Tutto questo avviene in modo tale da evitare di lasciare
-un file su disco quando è modificato solo in parte.  Persino quando si
-salva il file Emacs conserva il contenuto originale dello stesso in un
-file con un altro nome, nel caso in cui si capisca più tardi che le
-modifiche sono state un errore.
+Aprire un file implica vederne il contenuto all'interno di Emacs.  Per
+molti versi è come se si operasse sul file stesso, tuttavia le
+modifiche apportate al contenuto non sono definitive fino a quando non
+si “salva” il file.  Tutto questo avviene in modo tale da evitare di
+lasciare un file su disco quando è modificato solo in parte.  Persino
+quando si salva il file Emacs conserva il contenuto originale dello
+stesso in un file con un altro nome, nel caso in cui si capisca più
+tardi che le modifiche sono state un errore.
 
-Osservando la parte bassa dello schermo si noti che c'è una riga che
-inizia e finisce con dei trattini e che all'inizio contiene questo testo
-"--:-- TUTORIAL.it" o qualcosa di simile.  Questa parte dello schermo
-normalmente mostra il nome del file che si sta "visitando".  In questo
-momento si "visita" un file che si chiama "TUTORIAL.it" che è poi una
-copia dell'esercitazione di Emacs.  Quando si apre un file con Emacs il
-suo nome apparirà sempre in quel punto preciso.
+Osservando la parte bassa dello schermo puoi notare una riga che
+inizia qualcosa del tipo “--:-- TUTORIAL.it”.  Questa parte dello
+schermo normalmente mostra il nome del file che si sta “visitando”.
+In questo momento stai osservando la tua copia personale
+dell'esercitazione di Emacs, chiamata “TUTORIAL.it”.  Quando si apre
+un file con Emacs il suo nome apparirà sempre in quel punto preciso.
 
-Una caratteristica particolare del comando per aprire i file è che bisogna
-fornirgli il nome del file.  Diciamo in questo caso che il comando "legge
-un argomento dal terminale" (l'argomento è proprio il nome del file).
-Dopo aver scritto il comando
+Una caratteristica particolare del comando per aprire i file è che
+bisogna fornirgli il nome del file.  Diciamo in questo caso che il
+comando “legge un argomento dal terminale” (l'argomento è proprio il
+nome del file).  Dopo aver scritto il comando
 
-    C-x C-f    Trova un file
+       C-x C-f   Trova un file
 
 Emacs chiede il nome del file.  Il nome che si inserisce compare nella
-riga più in basso sullo schermo.  La riga di fondo è chiamata "minibuffer"
-quando viene usato per questo genere di operazioni di inserimento.  Si
-possono usare i consueti comandi di Emacs per operare sul nome del file.
+riga più in basso sullo schermo.  La riga di fondo è chiamata
+“minibuffer” quando viene usato per questo genere di operazioni di
+inserimento.  Si possono usare i consueti comandi di Emacs per operare
+sul nome del file.
 
 Mentre si inserisce il nome del file (oppure ogni altro testo nel
-minibuffer), si può annullare il comando con un C-g.
+minibuffer), è possibile annullare l'operazione usando C-g.
 
->> Premi C-x C-f, poi premi C-g.  Questo vuota il "minibuffer" e
+>> Premi C-x C-f, poi premi C-g.  Questo annulla il minibuffer e
    interrompe l'esecuzione del comando C-x C-f che stava usando il
-   "minibuffer".  Quindi non sarà aperto alcun file.
+   minibuffer.  Quindi non sarà aperto alcun file.
 
-Quando si finisce di indicare il nome del file bisogna premere <Invio> per
-portare a termine il comando.  Il comando C-x C-f inizia il suo lavoro e
-trova il file che è stato scelto.  Il "minibuffer" scompare quando il
-comando C-x C-f ha terminato l'esecuzione.
+Quando hai finito di indicare il nome del file, premi <Invio> per
+portare a termine il comando.  Il minibuffer scompare e il comando C-x
+C-f inizia il suo lavoro e trova il file che è stato scelto.
 
 Subito dopo, il contenuto del file compare sullo schermo e si può
-modificare a piacere.  Quando si desidera rendere permanenti le modifiche
-si usa il comando
+modificare a piacere.  Quando si desidera rendere permanenti le
+modifiche si usa il comando
 
-    C-x C-s    Salva il file
+       C-x C-s   Salva il file
 
 Questo copia il testo contenuto in Emacs nel file su disco.  La prima
-volta che si effetta questa operazione Emacs dà un nuovo nome al file
-originale in modo da conservarlo.  Il nuovo nome è ottenuto aggiungendo un
-carattere "~" alla fine del nome originale.
+volta che si effettua questa operazione Emacs rinomina il file
+originale in modo da conservarlo.  Il nuovo nome è ottenuto
+aggiungendo un carattere "~" alla fine del nome originale.  Quando il
+salvataggio termina, Emacs mostra il nome del file scritto.
 
-Quando il salvataggio è terminato Emacs mostra il nome del file appena
-scritto.  Si dovrebbero salvare le modifiche piuttosto spesso in modo da
-non perdere troppo lavoro se per caso il sistema dovesse bloccarsi.
+>> Premi C-x C-s TUTORIAL<Invio>.
+   Questo dovrebbe salvare questa esercitazione in un file chiamato
+   “TUTORIAL” e mostrare “Wrote ...TUTORIAL nella parte bassa dello
+   schermo.
 
->> Usa C-x C-f per salvare la tua copia di questa esercitazione.  Questo
-   dovrebbe mostrare il messaggio "Wrote ...TUTORIAL.it" nella parte bassa
-   dello schermo.
-
-Si può aprire un file già esistente per leggerlo o modificarlo.  Si può
-anche "visitare" un file che ancora non esiste.  Questo è un modo per
-creare un nuovo file con Emacs: si apre il file che sarà inizialmente
-vuoto e quindi si inizia ad inserire il testo.  Quando si chiederà di
-salvare il file Emacs lo creerà ed esso conterrà tutto il testo che è
-stato inserito.  Da quel punto in poi si potrà pensare di operare su un
-file già esistente.
+Si può aprire un file già esistente per leggerlo o modificarlo.  Si
+può anche “visitare” un file che ancora non esiste.  Questo è un modo
+per creare un nuovo file con Emacs: si apre il file che sarà
+inizialmente vuoto e quindi si inizia ad inserire il testo.  Quando si
+chiederà di salvare il file Emacs lo creerà ed esso conterrà tutto il
+testo che è stato inserito.  Da quel punto in poi si potrà pensare di
+operare su un file già esistente.
 
 
 * BUFFER
 --------
 
-Se si apre un secondo file con C-x C-f il primo rimane aperto all'interno
-di Emacs.  Si può tornare a visualizzarlo "visitandolo" di nuovo con il
-comando C-x C-f.  In questo modo si possono aprire quanti file si vogliono
-all'interno di Emacs.
+Se si apre un secondo file con C-x C-f il primo rimane aperto
+all'interno di Emacs.  Si può tornare a visualizzarlo “visitandolo” di
+nuovo con il comando C-x C-f.  In questo modo si possono aprire quanti
+file si vogliono all'interno di Emacs.
 
->> Crea un file chiamato "pippo" usando C-x C-f pippo <Invio>.  Inserisci
-   del testo e poi salva "pippo" con C-x C-s.  Poi usa C-x C-f TUTORIAL.it
-   <Invio> per tornare all'esercitazione.
+Emacs conserva il testo di ogni file all'interno di un oggetto
+chiamato “buffer”.  L'apertura di un file crea un nuovo buffer
+all'interno di Emacs.  Per guardare una lista dei buffer che esistono
+attualmente nella tua sessione di Emacs si usa
 
-Emacs conserva il testo di ogni file all'interno di un oggetto chiamato
-"buffer".  La "visita" di un file produce un nuovo buffer all'interno di
-Emacs.  Per guardare una lista dei buffer che esistono attualmente nella
-tua sessione di Emacs si usa
-
-    C-x C-b    Elenca buffer
+       C-x C-b   Elenca buffer
 
 >> Prova C-x C-b adesso.
 
-Si osservi come ogni buffer abbia un nome e come possa avere anche il nome
-di un file del quale conserva il contenuto.  Alcuni buffer non
-corrispondono ad alcun file.  Per esempio il buffer che ha nome "*Buffer
-List*" non ha un file corrispondente, è quello che contiene la lista che è
-stata creata da C-x C-b.  OGNI testo che si legge all'interno di Emacs è
-sempre parte di un buffer.
+Osserva come ogni buffer abbia un nome e come possa avere anche il
+nome di un file del quale conserva il contenuto.  QUALSIASI testo
+mostrato in una finestra di Emacs appartiene a qualche buffer.
 
 >> Usa C-x 1 per eliminare la lista dei buffer.
 
-Se si modifica in qualche modo il testo di un file e poi si visita un altro
-file questo non comporta un salvataggio del primo.  Le modifiche rimangono
-solo all'interno di Emacs, nel buffer relativo a quel file.  La creazione
-o la modifica del buffer del secondo file non ha alcun effetto sul buffer
-del primo.  Sarebbe fastidioso dover tornare al primo file con C-x C-f per
-salvarlo con C-x C-s.  Così c'è il comando
-
-    C-x s    Salva alcuni buffer
-
-C-x s chiede conferma del salvataggio per ogni buffer che contiene testo
-modificato e non ancora salvato.  Chiede, per ognuno di quei buffer, se si
-voglia salvarne il contenuto nel file corrispondente.
-
->> Inserisci una riga di testo e poi premi C-x s.  Dovrebbe chiederti se
-   vuoi salvare il buffer chiamato TUTORIAL.it.  Rispondi di sì battendo
-   "y".
+Quando ci sono svariati buffer, solo uno di essi è quello “corrente”
+in un certo istante.  Questo buffer è quello che è soggetto alle tue
+modifiche.  Se vuoi modificare un altro buffer, devi prima
+“selezionarlo”.  Se vuoi passare a un buffer che corrisponde a un
+file, puoi farlo visitando di nuovo quel file usando C-x C-f.  Ma c'è
+un modo più semplice: usa il comando C-x b.  Questo comando richiede
+il nome del buffer.
+
+>> Crea un file chiamato “pippo” con C-x C-f pippo<Invio>.
+   Torna poi a questa esercitazione con C-x b TUTORIAL<Invio>.
+
+La maggior parte delle volte, il nome del buffer corrisponde al nome
+del file (senza la parte relativa alla directory).  Questo non è
+sempre vero.  La lista dei buffer che ottieni con C-x C-b mostra sia
+il nome del buffer che il nome del file associato.
+
+Alcuni buffer non corrispondono ad alcun file.  Per esempio il buffer
+che ha nome “*Buffer List*” non è associato a nessun file.  Questo
+buffer TUTORIAL inizialmente non era associato a un file, mentre
+adesso lo è, dal momento che nella sezione precedente hai usato C-x
+C-s per salvarlo in un file.
+
+Anche il buffer chiamato “*Messages* non è associato ad alcun file.
+Quel buffer contiene tutti i messaggi che sono apparsi nella parte
+bassa dello schermo durante la sessione di Emacs.
+
+>> Passa al buffer con i messaggi con C-x b *Messages*<Invio>.
+   Torna poi a questa esercitazione con C-x b TUTORIAL<Invio>.
+
+Se si modifica in qualche modo il testo di un file e poi si visita un
+altro file questo non comporta il salvataggio del primo.  Le modifiche
+rimangono solo all'interno di Emacs, nel buffer relativo a quel file.
+La creazione o la modifica del buffer del secondo file non ha alcun
+effetto sul buffer del primo.  Questo è comodo, ma è conveniente avere
+la possibilità di salvare il buffer del primo file: sarebbe fastidioso
+dover prima passare a quel buffer per salvarlo con C-x C-s.  Così c'è
+il comando
+
+       C-x s   Salva alcuni buffer
+
+C-x s chiede conferma del salvataggio per ogni buffer che contiene
+testo modificato e non ancora salvato.  Chiede, per ognuno di quei
+buffer, se si voglia salvarne il contenuto nel file corrispondente.
+
+>> Inserisci una riga di testo e poi premi C-x s.
+   Dovrebbe chiederti se vuoi salvare il file chiamato “...TUTORIAL”.
+   Rispondi di sì battendo “y”.
 
 
 * ESTENDERE L'INSIEME DEI COMANDI
 ---------------------------------
 
 Emacs ha molti comandi in più rispetto a quelli che potrebbero trovare
-posto su tutti i caratteri CONTROL e META.  Emacs risolve questo problema
-usando il comando "estendi" (eXtend).  Ce ne sono di due tipi:
+posto su tutti i caratteri CONTROL e META.  Emacs risolve questo
+problema usando il comando X (eXtend).  Ci sono due varianti:
 
-    C-x    Comando esteso carattere.  Seguito da un carattere.
-    M-x    Comando esteso con nome.  Seguito da un nome di comando.
+       C-x    Comando esteso carattere.  Seguito da un carattere.
+       M-x    Comando esteso con nome.  Seguito da un nome di comando.
 
-Si tratta di comandi utili ma meno utilizzati di quelli che già osservati.
-Se ne sono visti due: il comando C-x C-f per visitare un file e quello C-x
-C-s per salvarlo.  Un altro esempio è quello che serve per chiudere la
-sessione Emacs - cioè il comando C-x C-c.  Non bisogna temere di perdere
-le modifiche fatte: C-x C-c propone infatti di salvare ogni file
-modificato prima di chiudere Emacs.
+Si tratta di comandi utili ma meno utilizzati di quelli che già
+osservati.  Se ne sono visti alcuni: il comando C-x C-f per visitare
+un file e C-x C-s per salvarlo, ad esempio.  Un altro esempio è quello
+che serve per chiudere la sessione Emacs, cioè il comando C-x C-c.
+(Non preoccuparti di perdere le modifiche che hai apportato: C-x C-c
+propone infatti di salvare ogni file modificato prima di chiudere
+Emacs.)
 
-C-z è il comando che serve per uscire da Emacs *temporaneamente* - così da
-poter tornare alla stessa sessione di Emacs in un momento successivo.
+Se stai usando un terminale grafico, non devi fare niente di speciale
+per passare da Emacs a un'altra applicazione.  Puoi farlo con il mouse
+oppure utilizzare i comandi del “window manager”.  Al contrario, se
+stai usando un terminale a caratteri che può mostrare una sola
+applicazione alla volta, hai bisogno di un modo per “sospendere” Emacs
+e poter quindi usare un'altra applicazione.
 
-Su sistemi che lo permettono C-z "sospende" Emacs, cioè riporta alla shell
-che lo aveva invocato senza però porre termine alla sessione attuale.
-Nelle shell più comuni si può riaprire la sessione in corso con il comando
-"fg" oppure con "%emacs".
+C-z è il comando che serve per uscire da Emacs *temporaneamente*, in
+modo tale da poter tornare alla stessa sessione di Emacs in un momento
+successivo.  Quando si è su un terminale a caratteri, C-z sospende
+Emacs, cioè si ritorna alla shell senza distruggere la sessione
+corrente.  Nelle shell più comuni, puoi ritornare in Emacs con il
+comando “fg” oppure con “%emacs”.
 
-Su sistemi che non prevedono la possibilità di "sospensione", C-z crea una
-subshell che funziona all'interno di Emacs per dare la possibilità di
-usare altri programmi e poi tornare a Emacs successivamente; in pratica
-non fa "uscire" veramente da Emacs.  In questo caso il comando di shell
-"exit" è il modo comune per tornare ad Emacs dalla subshell.
+Il momento di usare C-x C-c è quando si sta per effettuare il log-out
+dal sistema.  È anche il comando giusto quando si deve chiudere Emacs
+che è stato invocato da un altro programma, ad esempio da quello che
+gestisce la posta.
 
-Il momento di usare C-x C-c è quando si sta per effettuare il log-out dal
-sistema.  È anche il comando giusto quando si deve chiudere Emacs che è
-stato invocato da un programma che gestisce la posta o da altri programmi
-simili, dal momento che essi potrebbero non riuscire a gestire la
-sospensione di Emacs.  In circostanze normali, invece, se non si è sul
-punto di fare un log-out è meglio sospendere l'esecuzione di Emacs
-piuttosto che interromperla.
+Ci sono molti comandi C-x.  Ecco una lista di quelli già conosciuti:
 
-Ci sono molti comandi che usano C-x.  Ecco una lista di quelli già
-conosciuti:
+       C-x C-f    Apri un file.
+       C-x C-s    Salva un file.
+       C-x s      Salva alcuni buffer.
+       C-x C-b    Elenca buffer.
+       C-x b      Passa a un altro buffer.
+       C-x C-c    Chiudi Emacs.
+       C-x 1      Elimina tutte le finestre tranne una.
+       C-x u      Annulla.
 
-    C-x C-f    Apri un file.
-    C-x C-s    Salva un file.
-    C-x C-b    Elenca buffer.
-    C-x C-c    Chiudi Emacs.
-    C-x 1      Elimina tutte le finestre tranne una.
-    C-x u      Annulla.
+I comandi estesi con nome sono usati ancora meno spesso, oppure sono
+usati solo in certe modalità.  Un esempio è il comando replace-string
+per sostituire in tutto il testo una stringa di caratteri con
+un'altra.  Quando si usa M-x Emacs visualizza "M-x" nella parte bassa
+dello schermo, quindi si deve inserire per esteso il nome del comando;
+in questo caso “replace-string”.  Inserisci solo “repl s<TAB>” ed
+Emacs completerà da solo il nome.  (<TAB> è il tasto di tabulazione,
+che si trova di solito sul lato sinistro della tastiera sopra al tasto
+Blocca Maiuscole.)  Concludi l'inserimento del comando con il tasto
+<Invio>.
 
-I comandi estesi con nome sono usati ancora meno spesso, oppure sono usati
-solo in certi "modi" di esecuzione.  Un esempio è il comando
-replace-string per sostituire in tutto il testo una stringa di caratteri
-con un'altra.  Quando si usa M-x Emacs visualizza "M-x" nella parte bassa
-dello schermo, quindi si deve inserire per esteso il nome del comando; in
-questo caso "replace-string".  Inserisci solo "repl s<TAB>" ed Emacs
-completerà da solo il nome.  (<TAB> è il tasto di tabulazione, che si
-trova di solito sul lato sinistro della tastiera sopra al tasto Blocca
-Maiuscole).  Concludi l'inserimento del comando con il tasto <Invio>.
+Il comando replace-string richiede due argomenti: la stringa da
+sostituire e quella con cui sostituirla.  Bisogna indicare la fine di
+ogni argomento con <Invio>.
 
-Il comando replace-string richiede due argomenti: la stringa da sostituire
-e quella con cui sostituirla.  Bisogna indicare la fine di ogni argomento
-con <Invio>.
+>> Muovi il cursore sulla riga vuota due righe sotto questa.
+   Inserisci quindi M-x repl s<Invio>cambiata<Invio>modificata<Invio>.
 
->> Muovi il cursore sulla riga bianca qui sotto, quindi batti M-x repl s
-   <Invio> cambiata <Invio> modificata <Invio>.
-
-Osserva come questa riga è cambiata: hai sostituito la parola cam-bia-ta
-con "modificata" tutte le volte che quella compariva nel testo, a partire
-dalla posizione iniziale del cursore.
+   Osserva come questa riga sia cambiata: hai sostituito la parola
+   “cambiata” con “modificata” tutte le volte che quella compariva nel
+   testo, a partire dalla posizione iniziale del cursore.
 
 
 * SALVATAGGIO AUTOMATICO
 ------------------------
 
-Quando si apportano delle modifiche ad un file ma non sono ancora state
-salvate potrebbero essere perse se per caso il sistema si bloccasse.  Per
-proteggerti da questa eventualità Emacs scrive periodicamente un file di
-"salvataggio automatico" per ogni file che si sta scrivendo.  Il nome del
-file di salvataggio automatico ha un carattere # all'inizio e alla fine;
-per esempio se il file si chiama "ciao.c" il nome del file di salvataggio
-automatico sarà "#ciao.c#".  Quando si salva il file nel modo consueto
-Emacs cancella il file di salvataggio automatico.
+Quando si apportano delle modifiche ad un file ma non sono ancora
+state salvate potrebbero essere perse se per caso il sistema si
+bloccasse.  Per proteggerti da questa eventualità Emacs scrive
+periodicamente un file di “salvataggio automatico” per ogni file che
+si sta modificando.  Il nome del file di salvataggio automatico ha un
+carattere # all'inizio e alla fine; per esempio se il file si chiama
+“ciao.c” il nome del file di salvataggio automatico sarà “#ciao.c#”.
+Quando si salva il file nel modo consueto Emacs cancella il file di
+salvataggio automatico.
 
-Se il computer si blocca si può recuperare il file salvato automaticamente
-aprendo il file in modo normale (il file che si stava scrivendo, non
-quello di salvataggio automatico) e usando poi M-x recover file<Invio>.
-Quando viene chiesta la conferma si risponda con yes<Invio> per andare
-avanti nel recupero dei dati salvati automaticamente.
+Se il computer si blocca si può recuperare il file salvato
+automaticamente aprendo il file in modo normale (il file che si stava
+scrivendo, non quello di salvataggio automatico) e usando poi M-x
+recover-file<Invio>.  Quando viene chiesta la conferma si risponda
+con yes<Invio> per procedere con il recupero dei dati salvati
+automaticamente.
 
 
 * AREA DI ECO
 -------------
 
 Se Emacs si accorge che si inseriscono comandi multicarattere in modo
-troppo lento allora mostra la sequenza nella parte bassa dello schermo in
-un'area chiamata "area di eco".  L'area in questione contiene l'ultima riga
-dello schermo.
+troppo lento allora mostra la sequenza nella parte bassa dello schermo
+in un'area chiamata "area di eco".  L'area in questione contiene
+l'ultima riga dello schermo.
 
 
 * MODE LINE
 -----------
 
-La riga immediatamente sopra all'area di eco è chiamata "mode line" (riga
-di modo).  La "mode line" si presenta più o meno così:
+La riga immediatamente sopra all'area di eco è chiamata "mode line"
+(riga di modo).  La "mode line" si presenta più o meno così:
 
---:** TUTORIAL.it (Fundamental)--L720--64%---------------
+ -:**-  TUTORIAL       62% L759    (Fundamental)
 
-Questa riga fornisce informazioni utili sullo stato di Emacs e sul testo
-che si inserisce.
+Questa riga fornisce informazioni utili sullo stato di Emacs e sul
+testo che si inserisce.
 
-Abbiamo già visto cosa significa il nome del file - è il file che si sta
-visitando.  --NN%-- (due cifre e il segno %) indica la posizione attuale
-nel testo: significa che NN percento del testo si trova sopra al margine
-superiore dello schermo.  Se si visualizza l'inizio del file ci sarà
-scritto --Top-- (inizio) invece che --00%--.  Se invece ci si trova alla
-fine del file ci sarà scritto --Bot-- (fine).  Se si osserva un file
-talmente piccolo da essere visualizzato per intero sullo schermo allora la
-"mode line" indicherà --All-- (tutto).
+Abbiamo già visto cosa significa il nome del file: è il file che si
+sta visitando.  NN% indica la posizione attuale nel testo: significa
+che NN percento del testo si trova sopra al margine superiore dello
+schermo.  Se si visualizza l'inizio del file ci sarà scritto “Top”
+(inizio) invece che “ 0%”.  Se invece ci si trova alla fine del file
+ci sarà scritto “Bot” (fine).  Se si osserva un file talmente piccolo
+da essere visualizzato per intero sullo schermo allora la mode line
+indicherà “All” (tutto).
 
 La lettera L e le cifre indicano il numero di riga (Line) del punto
 indicato dal cursore in quel momento.
 
 I due asterischi vicino all'inizio indicano che sono state fatte delle
 modifiche al testo.  Se il file è stato appena aperto o appena salvato
-quella parte della "mode line" non mostra alcun asterisco, solo trattini.
+quella parte della mode line non mostra alcun asterisco, solo
+trattini.
 
-La parte di "mode line" racchiusa tra parentesi serve ad indicare in quale
-modo di scrittura ci si trovi.  Il modo standard è "Fundamental" ed è
-quello che probabilmente è attivo adesso.  È un esempio di "modalità
-primaria" (major mode).
+La parte di mode line racchiusa tra parentesi serve ad indicare in
+quale modo di scrittura ci si trovi.  Il modo standard è “Fundamental”
+ed è quello che probabilmente è attivo adesso.  È un esempio di
+“modalità primaria” (major mode).
 
-Emacs ha tanti diversi tipi di "modalità primarie".  Alcuni di questi
-servono per la scrittura di diversi linguaggi di programmazione e/o tipi
-di testo, come la modalità Lisp, la modalità Testo, ecc.  In un
-determinato momento una sola "modalità primaria" alla volta può essere
-attiva, e il suo nome è visualizzato sulla "mode line", proprio come
-"Fundamental" lo è adesso.
+Emacs ha tanti diversi tipi di modalità primarie.  Alcuni di questi
+servono per la scrittura di diversi linguaggi di programmazione e/o
+tipi di testo, come la modalità Lisp, la modalità Testo, ecc.  In
+qualsiasi momento c'è una e una sola modalità primaria attiva, e il
+suo nome è visualizzato sulla mode line, dove adesso c'è
+“Fundamental”.
 
-Ogni "modalità primaria" condiziona il comportamento di alcuni comandi.
+Ogni modalità primaria condiziona il comportamento di alcuni comandi.
 Per esempio ci sono comandi per creare commenti in un programma e, dal
 momento che ogni linguaggio di programmazione ha un diverso tipo di
-commento, ogni "modalità primaria" deve inserire i commenti in modo
-diverso.  Ogni "modalità primaria" è anche il nome di un comando esteso
-con nome che serve per attivare quella "modalità primaria".  Per esempio
-M-x fundamental-mode è il comando per attivare la modalità primaria
-"Fundamental".
+commento, ogni modalità primaria deve inserire i commenti in modo
+diverso.  Ogni modalità primaria corrisponde al nome di un comando
+esteso, con cui puoi passare a quella modalità.  Per esempio M-x
+fundamental-mode è il comando per attivare la modalità primaria
+“Fundamental”.
 
-Se si vuole inserire del testo in italiano, come questo file, serve
-probabilmente la modalità testo ("text-mode").
+Se si vuole inserire del testo in italiano, come questo file,
+probabilmente è più adeguata la modalità testo.
 
->> Inserisci M-x text mode<Invio>.
+>> Inserisci M-x text-mode<Invio>.
 
-Non preoccuparti, nessuno dei comandi che hai imparato verrà modificato in
-modo sostanziale.  Tuttavia adesso puoi osservare come M-f e M-b
-considerino gli apostrofi come parti di parole.  Al contrario, nella
-modalità "Fundamental", M-f e M-b consideravano gli apostrofi dei
-separatori di parole.
+Non preoccuparti, nessuno dei comandi che hai imparato verrà
+modificato in modo sostanziale.  Tuttavia adesso puoi osservare come
+M-f e M-b considerino gli apostrofi come parti di parole.  In
+precedenza, nella modalità “Fundamental”, M-f e M-b consideravano gli
+apostrofi dei separatori di parole.
 
-Le "modalità primarie" di solito producono nei comandi piccoli cambiamenti
-come questo: la maggior parte di essi "fa lo stesso lavoro" ma in maniera
-appena diversa.
+Le modalità primarie di solito producono nei comandi piccoli
+cambiamenti come quello: la maggior parte di essi “fa lo stesso
+lavoro” ma in maniera un po' diversa.
 
-Per leggere la documentazione sulla "modalità primaria" attuale si usa
+Per leggere la documentazione sulla modalità primaria attuale, usa
 C-h m.
 
->> Usa C-u C-v una o più volte per portare questa riga vicino all'inizio
-   dello schermo.  Usa C-h m per leggere come il "text-mode" (modo testo)
-   differisce dalla modalità "Fundamental".  Premi C-x 1 per eliminare la
-   finestra contenente la documentazione.
+>> Sposta il cursore sulla riga successiva a questa.
+>> Premi C-l C-l per portare questa riga in cima allo schermo.
+>> Usa C-h m per leggere come la modalità Testo differisca dalla
+   Fundamental.
+>> Premi C-x 1 per eliminare la finestra contenente la documentazione.
 
-Le "modalità primarie" sono chiamate così perché ci sono anche delle
-"modalità secondarie" (minor modes).  Le "modalità secondarie" non sono
-alternative alle "modalità primarie" ma solo piccole varianti di esse.
-Ogni "modalità secondaria" può essere attivata o disattivata
-indipendentemente da tutte le altre "modalità secondarie" e
-indipendentemente dalla "modalità primaria" attiva in quel momento.  Si
-può quindi usare nessuna "modalità secondaria", una soltanto oppure ogni
-altra combinazione di modalità secondarie.
+Le modalità primarie sono chiamate così perché ci sono anche delle
+“modalità secondarie” (minor modes).  Tali modalità non sono
+alternative a quelle primarie, introducono solo piccole varianti.
+Ogni modalità secondaria può essere attivata o disattivata,
+indipendentemente da tutte le altre modalità secondarie e
+indipendentemente dalla modalità primaria attiva in quel momento.  Si
+può quindi usare nessuna modalità secondaria, una soltanto oppure
+qualsiasi combinazione di modalità secondarie.
 
-Una "modalità secondaria" molto utile, specialmente per il testo italiano,
-è la modalità "Auto Fill".  Quando questa modalità è attiva, Emacs
-interrompe la riga tra due parole ogni volta che, nel corso
-dell'inserimento, essa diventa troppo lunga.
+Una modalità secondaria molto utile, specialmente per scrivere del
+testo, è la modalità “Auto Fill” (riempimento automatico).  Quando
+questa modalità è attiva, Emacs interrompe la riga tra due parole ogni
+volta che, nel corso dell'inserimento, essa diventa troppo lunga.
 
-Si può attivare il modo "Auto Fill" con: M-x auto fill mode<Invio>.
-Quando la modalità suddetta è attiva può essere disattivata con M-x auto
-fill mode<Invio>.  Se la modalità è disattivata questo comando la attiva,
-viceversa se è già attiva.  Un comando che funziona così si comporta come
-un interruttore, attiva o disattiva qualcosa ogni volta che viene premuto.
+Si può attivare il modo “Auto Fill” con M-x auto-fill-mode<Invio>.
+Quando la modalità suddetta è attiva può essere disattivata eseguendo
+di nuovo M-x auto-fill-mode<Invio>.  Se la modalità è disattivata
+questo comando la attiva, viceversa se è già attiva.  Un comando che
+funziona così si comporta come un interruttore, attiva o disattiva
+qualcosa ogni volta che viene premuto.
 
->> Usa M-x auto fill mode<Invio> adesso.  Inserisci una riga di "asdf"
+>> Usa M-x auto fill mode<Invio> adesso.  Inserisci una riga di “asdf ”
    ripetuti fino a quando non la vedi dividersi in due righe.  Devi
-   interporre degli spazi perché la modalità "Auto Fill" spezza le righe
+   interporre degli spazi perché la modalità Auto Fill spezza le righe
    solo in corrispondenza di uno spazio.
 
-Il margine di solito è predisposto a 70 caratteri ma può essere spostato
-con il comando C-x f.  Bisogna fornire al comando l'argomento numerico del
-margine che si desidera.
+Il margine di solito è predisposto a 70 caratteri ma può essere
+spostato con il comando C-x f.  Bisogna fornire al comando l'argomento
+numerico del margine che si desidera.
 
 >> Usa C-x f con un argomento di 20 (C-u 2 0 C-x f), poi inserisci del
-   testo e osserva come Emacs interrompe le righe a 20 caratteri.  Infine
-   torna di nuovo a un margine di 70 caratteri con C-x f.
+   testo e osserva come Emacs interrompe le righe a 20 caratteri.
+   Infine torna di nuovo a un margine di 70 caratteri con C-x f.
 
-Se si modifica il testo all'interno di un paragrafo la modalità
-"Auto Fill" non
-lo risistema.
-Per risistemare i margini di un paragrafo
-si usa M-q (META-q)
-quando il cursore si trova in quel paragrafo.
+Se si modifica il testo all'interno di un paragrafo la modalità "Auto
+Fill" non lo risistema.  Per risistemare i margini di un paragrafo si
+usa M-q (META-q) quando il cursore si trova in quel paragrafo.
 
 >> Muovi il cursore sul paragrafo precedente e premi M-q.
 
@@ -821,250 +878,309 @@ quando il cursore si trova in quel paragrafo.
 * CERCARE DEL TESTO
 -------------------
 
-Emacs può effettuare la ricerca di stringhe (che sono gruppi di caratteri
-contigui o parole) in posizione sia successiva che precedente nel testo.
-Cercare una stringa è un comando che provoca lo spostamento del cursore:
-lo porta lì dove la stringa compare.
+Emacs può effettuare la ricerca di stringhe (una “stringa” è un gruppo
+di caratteri contigui) in posizione sia successiva che precedente nel
+testo.  Cercare una stringa è un comando che provoca lo spostamento
+del cursore: lo porta lì dove la stringa compare.
 
-Il comando di ricerca di Emacs è diverso da quello di molti altri editor
-perché è "incrementale".  Ciò significa che la ricerca avviene proprio
-mentre si inserisce la stringa da cercare.
+Il comando di ricerca di Emacs è diverso da quello di molti altri
+editor perché è “incrementale”.  Ciò significa che la ricerca avviene
+proprio mentre si inserisce la stringa da cercare.
 
-I comandi per iniziare la ricerca sono C-s per quella in avanti e C-r per
-quella all'indietro nel testo.  ASPETTA!  Non provarli ora.
+I comandi per iniziare la ricerca sono C-s per quella in avanti e C-r
+per quella all'indietro nel testo.  ASPETTA!  Non provarli ora.
 
-Quando si preme C-s si vede comparire il messaggio "I-search" nell'"area
-di eco", ciò significa che Emacs aspetta che si indichi ciò che deve
-cercare.  <Invio> serve a concludere la ricerca.
+Quando si preme C-s si vede comparire il messaggio “I-search”
+nell'area di eco: ciò significa che Emacs aspetta che si indichi ciò
+che deve cercare.  <Invio> serve a concludere la ricerca.
 
->> Adesso usa C-s per inziare la ricerca.  LENTAMENTE, una lettera alla
-   volta, inserisci la parola "cursore", facendo una pausa dopo ogni
-   carattere scritto per vedere cosa succede al cursore.  Hai cercato
-   "cursore" una volta sola.
->> Usa C-s un'altra volta per trovare il punto in cui la parola "cursore"
-   compare successivamente.
->> Adesso premi <Delete> quattro volte e osserva come si muove il cursore.
+>> Adesso usa C-s per iniziare la ricerca.  LENTAMENTE, una lettera
+   alla volta, inserisci la parola “cursore”, facendo una pausa dopo
+   ogni carattere scritto per vedere cosa succede al cursore.  Hai
+   cercato “cursore”, una volta sola.
+>> Usa C-s un'altra volta per trovare la successiva occorrenza della
+   parola “cursore”.
+>> Adesso premi <DEL> quattro volte e osserva come si muove il cursore.
 >> Premi <Invio> per concludere la ricerca.
 
-Hai visto cos'è successo?  Durante una ricerca incrementale Emacs prova ad
-andare al punto successivo in cui compare la stringa indicata fino a quel
-momento.  Per raggiungere il punto successivo in cui compare di nuovo
-"cursore" basta solo premere C-s ancora una volta.  Se la stringa cercata
-non compare in alcun punto successivo Emacs emette un "beep" e informa che
-la ricerca non è andata a buon fine ("failing").  C-g è un modo
-alternativo per concludere la ricerca.
+Hai visto cos'è successo?  Durante una ricerca incrementale Emacs
+prova ad andare al punto successivo in cui compare la stringa indicata
+fino a quel momento.  Per raggiungere il punto successivo in cui
+compare di nuovo “cursore” basta solo premere C-s ancora una volta.
+Se la stringa cercata non compare in alcun punto successivo Emacs
+emette un “beep” e informa che la ricerca non è andata a buon fine
+(“failing”).  C-g è un modo alternativo per concludere la ricerca.
 
-NOTA: su alcuni sistemi il comando C-s bloccherà lo schermo e poi non si
-vedrà alcun altro messaggio da Emacs.  Questo significa che una
-caratteristica del sistema operativo chiamata "controllo di flusso" sta
-intercettando il carattere C-s e non gli permette di arrivare fino ad
-Emacs.  Per sbloccare lo schermo si può usare C-q.  Poi si legga la
-sezione "Spontaneous Entry to Incremental Search" nel manuale di Emacs per
-suggerimenti su come gestire questa caratteristica del proprio sistema.
-
-Se durante una ricerca incrementale si preme il tasto <Delete> ci si
-accorgerà che l'ultimo carattere della stringa da cercare scompare e la
-ricerca torna all'ultimo risultato trovato prima che fosse stato scritto.
-Per esempio, supponiamo di aver battuto una "c" e di aver trovato la prima
-"c" che compare nel testo.  Se poi aggiungiamo una "u" il cursore si
-sposta alla prima stringa "cu" che trova.  Ora se si preme <Delete> la "u"
-viene cancellata dalla stringa da cercare e il cursore torna sulla "c" che
-era stata trovata in precedenza.
+Se durante una ricerca incrementale si preme il tasto <DEL> ci si
+accorgerà che l'ultimo carattere della stringa da cercare scompare e
+la ricerca torna all'ultimo risultato trovato prima che fosse stato
+scritto.  Per esempio, supponiamo di aver battuto una “c” e di aver
+trovato la prima “c” che compare nel testo.  Se poi aggiungiamo una
+“u” il cursore si sposta alla prima stringa “cu” che trova.  Ora se si
+preme <DEL> la “u” viene rimossa dalla stringa da cercare e il cursore
+torna sulla “c” trovata in precedenza.
 
 Se ci si trova nel mezzo di una operazione di ricerca e si usa un
-carattere control o meta (con poche eccezioni - i caratteri che hanno
-significato particolare durante la ricerca sono C-s e C-r) allora la
+carattere control o meta (con poche eccezioni, caratteri che hanno
+significato particolare durante la ricerca come C-s e C-r) allora la
 ricerca viene conclusa.
 
-Il comando C-s inizia la ricerca di ogni presenza della stringa in
-posizione SUCCESSIVA a quella attuale del cursore.  Se si vuole cercare
-qualcosa che nel testo precede il cursore allora bisogna usare il comando
-C-r.  Tutto quello che abbiamo detto su C-s si applica allo stesso modo
-per C-r, invertendo ovviamente la direzione di ricerca.
+Il comando C-s inizia la ricerca di ogni occorrenza della stringa in
+posizione SUCCESSIVA a quella attuale del cursore.  Se si vuole
+cercare qualcosa che nel testo precede il cursore allora bisogna usare
+il comando C-r.  Tutto quello che abbiamo detto su C-s si applica allo
+stesso modo per C-r, invertendo ovviamente la direzione di ricerca.
 
 
 * FINESTRE MULTIPLE
 -------------------
 
 Una delle caratteristiche interessanti di Emacs è che si possono
-visualizzare più finestre sullo schermo nello stesso momento.
+visualizzare più finestre sullo schermo nello stesso momento. (Nota
+che Emacs utilizza il termine “frame”, descritto nella sezione
+successiva, per indicare quello che altre applicazioni chiamano
+“window”.  Il manuale di Emacs contiene un Glossario dei termini usati
+da Emacs.)
+
+>> Muovi il cursore su questa riga e inserisci C-l C-l.
 
->> Muovi il cursore su questa riga e inserisci C-u 0 C-l (è CONTROL-L, non
-   CONTROL-1).
 >> Adesso usa C-x 2 che divide lo schermo in due parti.  Entrambe le
    finestre visualizzano questo tutorial.  Il cursore si trova nella
    finestra superiore.
+
 >> Premi C-M-v per far scorrere la finestra inferiore.  (Se non hai un
    tasto META usa <ESC> C-v.)
+
 >> Usa C-x o per muovere il cursore nella finestra inferiore.
 >> Usa C-v e M-v nella finestra inferiore per farvi scorrere il testo.
    Continua a leggere queste indicazioni nella finestra superiore.
->> Premi C-x o di nuovo per muovere il cursore nella finestra superiore.
-   Il cursore si trova sul punto che occupava in precedenza.
 
-Si può continuare a usare C-x o per andare da una finestra all'altra.  Ogni
-finestra ha la sua posizione per il cursore ma solo una alla volta lo
-visualizza.  Tutti i comandi impartiti funzionano sulla finestra in cui si
-trova il cursore.  Noi la chiamiamo la "finestra selezionata".
+>> Premi C-x o di nuovo per muovere il cursore nella finestra
+   superiore.  Il cursore si trova sul punto che occupava in
+   precedenza.
+
+Puoi continuare a usare C-x o per andare da una finestra all'altra.
+La “finestra selezionata”, dove avvengono le modifiche, è quella con
+un cursore che lampeggia quando non stai scrivendo. Le altre finestre
+conservano la loro posizione del cursore; se stai usando un terminale
+grafico, quei cursori appaiono come dei rettangoli vuoi e non
+lampeggianti.
 
 Il comando C-M-v è molto utile quando si inserisce del testo in una
-finestra mentre si usa l'altra solo come riferimento.  Si può tenere il
-cursore sempre nella finestra in cui si lavora e portare avanti
-sequenzialmente il testo contenuto nell'altra con C-M-v.
+finestra mentre si usa l'altra solo come riferimento.  Si può tenere
+il cursore sempre nella finestra in cui si lavora e far scorrere il
+testo contenuto nell'altra con C-M-v.
 
-C-M-v è un esempio di carattere CONTROL-META.  Se c'è un vero e proprio
-tasto META si può ottenere C-M-v tenendo premuti contemporaneamente
-CONTROL e META mentre si batte v.  Non importa quale tra CONTROL e META
-viene premuto per primo perché essi agiscono assieme modificando i
-caratteri inseriti dopo.
+C-M-v è un esempio di carattere CONTROL-META.  Se c'è un vero e
+proprio tasto META si può ottenere C-M-v tenendo premuti
+contemporaneamente CONTROL e META mentre si batte v.  Non importa
+quale tra CONTROL e META viene premuto per primo perché essi agiscono
+assieme modificando i caratteri inseriti dopo.
 
 Se non c'è un tasto META e si usa il tasto ESC l'ordine diventa
-importante: bisogna premere prima <ESC> e poi farlo seguire da CONTROL-v
-perché CONTROL-ESC-v non funziona.  Questo perché <ESC> è un carattere a
-sé stante e non uno che ne modifica altri.
+importante: bisogna premere prima <ESC> e poi farlo seguire da
+CONTROL-v perché CONTROL-ESC-v non funziona.  Questo perché <ESC> è un
+carattere a sé stante e non uno che ne modifica altri.
 
 >> Usa C-x 1 (nella finestra superiore) per eliminare la finestra
    inferiore.
 
 (Se usi C-x 1 nella finestra inferiore allora viene eliminata quella
-superiore.  Questo comando conserva una sola finestra, quella in cui si
-trova il cursore.)
+superiore.  Pensa a questo comando come “conserva una sola finestra,
+quella attualmente selezionata.”)
 
-Due finestre aperte contemporaneamente non devono necessariamente
-contenere lo stesso buffer.  Quando si usa C-x C-f per visitare un file in
-una finestra il contenuto dell'altra non cambia.  Si può "visitare" in
-modo indipendente un file diverso in ogni finestra.
+Non devi necessariamente visualizzare il medesimo buffer in entrambe
+le finestre.  Se usi C-x C-f per visitare un file in una finestra, il
+contenuto dell'altra non cambia.  Si può visitare in modo indipendente
+un file diverso in ogni finestra.
 
-Ecco un altro modo per usare due finestre per visualizzare cose diverse:
+Ecco un altro modo per usare due finestre per visualizzare cose
+diverse:
+
+>> Inserisci C-x 4 C-f seguito dal nome di uno dei tuoi file e termina
+   con <Invio>.  Osserva come il file viene aperto nella finestra
+   inferiore e il cursore venga posizionato là.
 
->> Inserisci C-x 4 C-f seguito dal nome di uno dei tuoi file.  Premi
-   <Invio>.  Osserva come il file viene aperto nella finestra inferiore.
-   Il cursore si posiziona in quella.
 >> Usa C-x o per tornare alla finestra superiore e C-x 1 per eliminare
    quella inferiore.
 
 
+* FRAME MULTIPLI
+----------------
+
+Emacs può anche creare dei “frame” multipli. Un frame il nome che
+diamo a una collezione di finestre, insieme con il suo menu, le barre
+di scorrimento, l'area di eco, ecc.  Su un terminale grafico, Emacs
+chiama “frame” quello che la maggior parte delle altre applicazioni
+chiamano “finestra”, ed è possibile mostrarne più di uno
+contemporaneamente.  Su un terminale testuale, è possibile mostrare un
+solo frame alla volta.
+
+>> Usa M-x make-frame<Invio>.
+   Un nuovo frame dovrebbe apparire sullo schermo.
+
+In questo nuovo frame puoi svolgere qualsiasi cosa come nel frame
+originale.  Non c'è nulla di speciale nel primo frame.
+
+>> Usa M-x delete-frame<Invio>.
+   Questo rimuove il frame selezionato.
+
+Puoi anche eliminare un frame usando i metodi offerti dal sistema
+grafico (normalmente cliccando sul pulsante “X” in uno degli angoli
+superiori del frame).  Se rimuovi in questo modo l'ultimo frame, la
+sessione Emacs viene terminata.
+
+
 * LIVELLI DI EDITING RICORSIVO
 ------------------------------
 
-A volte ci si può trovare in quello che si chiama un "livello di editing
-ricorsivo", ciò è indicato dalla presenza di parentesi quadre nella "mode
-line", attorno alle parentesi della "modalità primaria" attualmente in
-uso.  Per esempio si potrebbe leggere [(Fundamental)] invece che
-(Fundamental).
+A volte ci si può trovare in quello che si chiama un “livello di
+editing ricorsivo”: ciò è indicato dalla presenza di parentesi quadre
+nella mode line, attorno alle parentesi che delimitano il nome della
+modalità primaria.  Per esempio si potrebbe leggere [(Fundamental)]
+invece che (Fundamental).
 
-Per uscire dal livello di editing ricorsivo si usa <ESC> <ESC> <ESC>.  È
-un comando di uscita di uso piuttosto generale, si può anche usare per
-eliminare finestre in più e per uscire dal "minibuffer".
+Per uscire dal livello di editing ricorsivo si usa <ESC> <ESC> <ESC>.
+È un comando di uscita di uso piuttosto generale, si può anche usare
+per eliminare finestre in più e per uscire dal minibuffer.
 
 >> Usa M-x per entrare nel "minibuffer": poi usa <ESC> <ESC> <ESC> per
    uscirne.
 
-Non è possibile usare C-g per uscire da un livello di editing ricorsivo,
-ciò avviene perché C-g è usato per annullare i comandi all'INTERNO del
+Non è possibile usare C-g per uscire da un livello di editing
+ricorsivo, perché C-g è usato per annullare i comandi all'INTERNO del
 livello di editing ricorsivo.
 
 
 * COME IMPARARE ALTRO
 ---------------------
 
-In questo tutorial abbiamo provato a fornire le informazioni sufficienti
-per iniziare ad usare Emacs.  Ci sono così tante opzioni in Emacs che
-sarebbe impossibile spiegarle tutte qui, ma è possibile imparare tutte le
-altre caratteristiche di Emacs utili per il proprio lavoro.  Ci sono
-comandi per leggere la documentazione dei comandi disponibili in Emacs.
-Questi comandi di aiuto iniziano tutti con il carattere C-h, che infatti è
-chiamato "carattere di aiuto (help)".
-
-Per raggiungere le voci di Aiuto si usa il carattere C-h e poi un altro
-carattere che specifica la richiesta.  Quando davvero non si sa cosa fare
-si può provare con C-h ? ed Emacs indicherà tutti i tipi di aiuto che può
-fornire.  Se si è attivato l'aiuto con C-h e si decide che non serve più
-si può annullare la richiesta con C-g.
-
-Alcuni sistemi fanno un diverso uso del carattere C-h perché questo viene
-indebitamente modificato dall'amministratore di sistema.  A parte
-rivolgerti allo stesso perché risolva il problema puoi provare ad accedere
-alla funzione aiuto di Emacs con il tasto F1 oppure con M-x help<Invio>.
-
-La forma base di aiuto è data da C-h c.  Si inserisce C-h, il carattere c
-e poi un carattere o una sequenza di caratteri; Emacs mostrerà una breve
-descrizione del comando stesso.
-
->> Prova C-h c C-p.  Dovresti leggere un messaggio del tipo
-
-    C-p runs the command previous-line (purtroppo in inglese!)
-
-Questo messaggio indica il "nome della funzione".  I nomi di funzione sono
-usati principalmente per personalizzare ed estendere Emacs e sono scelti
-anche in modo da indicare che cosa il comando fa.  Servono quindi anche da
-breve descrizione, sufficiente per ricordarsi di comandi già imparati.
-
-I comandi con più caratteri come ad esempio C-x C-s e (se non c'è il tasto
-META o EDIT o ALT) <ESC>v sono permessi allo stesso modo dopo una
-richiesta di aiuto fatta con C-h c.
-
-Per avere ulteriori informazioni su un comando si usa C-h k invece che C-h
-c.
+In questo tutorial abbiamo provato a fornire le informazioni
+sufficienti per iniziare ad usare Emacs.  Ci sono così tante opzioni
+in Emacs che sarebbe impossibile spiegarle tutte qui.  Tuttavia
+potresti voler saperne di più su Emacs, che offre molte altre utili
+funzionalità.  Ci sono comandi per leggere la documentazione dei
+comandi disponibili in Emacs.  Questi comandi di “aiuto” iniziano
+tutti con il carattere C-h, che infatti è chiamato “carattere di aiuto
+(help)”.
+
+Per raggiungere le voci di Aiuto si usa il carattere C-h e poi un
+altro carattere che specifica la richiesta.  Quando davvero non si sa
+cosa fare si può provare con C-h ? ed Emacs indicherà tutti i tipi di
+aiuto che può fornire.  Se si è attivato l'aiuto con C-h e si decide
+che non serve più si può annullare la richiesta con C-g.
+
+(Se C-h non mostra un messaggio relativo all'aiuto nella parte bassa
+dello schermo, prova ad usare il tasto F1 oppure con M-x help<Invio>.)
+
+La forma base di aiuto è data da C-h c.  Si inserisce C-h, il
+carattere c e poi un carattere o una sequenza di caratteri; Emacs
+mostrerà una breve descrizione del comando stesso.
+
+>> Prova C-h c C-p.
+
+Dovresti leggere un messaggio del tipo (purtroppo in inglese!):
+
+       C-p runs the command previous-line
+
+Questo messaggio indica il “nome della funzione”.  Dal momento che i
+nomi di funzione sono scelti per indicare cosa fa il comando, servono
+quindi anche come breve descrizione, sufficiente per ricordarsi di
+comandi già imparati.
+
+I comandi con più caratteri come ad esempio C-x C-s e (se non c'è il
+tasto META o EDIT o ALT) <ESC>v sono permessi allo stesso modo dopo
+una richiesta di aiuto fatta con C-h c.
+
+Per avere ulteriori informazioni su un comando si usa C-h k invece che
+C-h c.
 
 >> Prova C-h k C-p.
 
-Questo mostrerà la documentazione della funzione, così come il suo nome,
-all'interno di una finestra di Emacs.  Quando hai finito di leggere usa
-C-x 1 per eliminare la finestra con il testo di aiuto.  Non sei obbligato
-a farlo subito.  Puoi anche lavorare sul tuo testo mentre fai riferimento
-al testo di aiuto e poi usare un C-x 1.
+Questo mostrerà la documentazione della funzione, così come il suo
+nome, all'interno di una finestra di Emacs.  Quando hai finito di
+leggere usa C-x 1 per eliminare la finestra con il testo di aiuto.
+Non sei obbligato a farlo subito.  Puoi anche lavorare sul tuo testo
+mentre fai riferimento al testo di aiuto e poi usare un C-x 1.
 
 Ecco altre utili opzioni di C-h:
 
-    C-h f    Descrive una funzione.  Inserisci il nome della funzione.
+       C-h f   Descrive una funzione.  Inserisci il nome della funzione.
 
->> Prova con C-h f previous-line<Invio>.  Avrai tutte le informazioni che
-   Emacs possiede sulla funzione che implementa il comando C-p.
+>> Prova con C-h f previous-line<Invio>.
+   Questo mostrerà tutte le informazioni che Emacs possiede sulla
+   funzione che implementa il comando C-p.
 
-Un comando simile è C-h v che mostra la documentazione di variabili i cui
-valori sono utilizzati per personalizzare il comportamento di Emacs.  Devi
-inserire il nome della variabile quando Emacs lo richiede.
+Un comando simile è C-h v che mostra la documentazione delle
+variabili, comprese quelle di cui puoi modificare il valore per
+personalizzare il comportamento di Emacs.  Devi inserire il nome della
+variabile quando Emacs lo richiede.
 
-    C-h a    "Apropos" comando.  Inserisci una parola ed Emacs ti
-             elencherà tutti i comandi il cui nome contiene quella
-             parola.  Questi comandi possono tutti essere eseguiti con
-             META-x.  Per alcuni comandi ti sarà mostrata anche una
-             sequenza di uno o due caratteri che serve a far partire il
-             comando senza doverlo inserire per esteso.
+    C-h a      "Apropos" comando.  Inserisci una parola ed Emacs ti
+               elencherà tutti i comandi il cui nome contiene quella
+               parola.  Questi comandi possono tutti essere eseguiti
+               con META-x.  Per alcuni comandi ti sarà mostrata anche
+               una sequenza di uno o due caratteri che serve a far
+               partire il comando senza doverlo inserire per esteso.
 
 >> Prova C-h a file<Invio>
 
 Questo mostrerà in un'altra finestra una lista di tutti i comandi che
-contengono la parola "file" nel nome.  Nella lista si vedranno
-comandi-carattere, come C-x C-f, assieme ai corrispondenti nomi per esteso
-come "find-file".
+contengono la parola “file” nel nome.  Nella lista si vedranno
+comandi-carattere, come C-x C-f, assieme ai corrispondenti nomi per
+esteso come find-file.
+
+>> Usa C-M-v per far scorrere il testo nella finestra di aiuto.
+   Ripeti per alcune volte.
 
->> Usa C-M-v per far scorrere il testo nella finestra di aiuto.  Ripeti
-   per alcune volte.
 >> Usa C-x 1 per eliminare la finestra di aiuto.
 
-    C-h i    Leggi la documentazione.  Questo comando apre un buffer
-             speciale chiamato "*info*" in cui puoi leggere i manuali
-             on-line dei pacchetti installati sul tuo sistema.  Batti m
-             emacs <Invio> per leggere il manuale di Emacs.  Se non hai
-             mai usato il sistema Info prima d'ora premi ? ed Emacs ti
-             guiderà nell'uso delle opzioni del modo Info.  Una volta
-             terminata questa esercitazione il manuale di Emacs contenuto
-             nel sistema Info dovrebbe diventare la tua principale fonte
-             di documentazione.
+   C-h i       Leggi la documentazione.  Questo comando apre un
+               buffer speciale chiamato “*info*” in cui puoi leggere
+               i manuali on-line dei pacchetti installati sul tuo
+               sistema.  Batti m emacs<Invio> per leggere il manuale
+               di Emacs.  Se non hai mai usato il sistema Info prima
+               d'ora premi ? ed Emacs ti guiderà nell'uso delle
+               opzioni del modo Info.  Una volta terminata questa
+               esercitazione il manuale di Emacs contenuto nel
+               sistema Info dovrebbe diventare la tua principale
+               fonte di documentazione.
+
+
+* ALTRE FUNZIONALITÀ
+--------------------
+
+Puoi imparare di più su Emacs leggendo il suo manuale, sia nella forma
+stampata piuttosto che da dentro Emacs stesso (usa il menu Help oppure
+C-h r).  Due funzionalità che possono farti comodo sono il
+completamento automatico, che consente di ridurre il numero di
+caratteri da digitare, e dired, che semplifica la gestione dei file.
+
+Il completamento è un modo per evitare la pressione di tasti quando
+non sia necessario.  Ad esempio, quando vuoi passare al buffer
+*Messages*, puoi inserire C-x b *M<Tab> e Emacs cercherà di completare
+il nome del buffer usando la parte che hai già inserito.  Questa
+funzione può essere usata anche sui nomi dei comandi oppure su quelli
+dei file, ed è descritta nel manuale Emacs nel nodo chiamato
+“Completion”.
+
+Dired ti consente di elencare i file in una directory (e opzionalmente
+nelle directory sottostanti), muoverti tra quei file, visitarli,
+rinominarli, cancellarli e in generale eseguire qualche operazione su
+quei file.  Dired è descritta nel manuale Emacs nel nodo chiamato
+“Dired”.
+
+Il manuale descrive molte altre funzionalità di Emacs.
 
 
 * CONCLUSIONI
 -------------
 
-Ricorda che per chiudere una sessione di Emacs si usa C-x C-c.  Per
-tornare temporaneamente alla shell, così da poter rientrare in Emacs
-successivamente, si usa C-z.
+Per chiudere una sessione di Emacs si usa C-x C-c.
 
-Questo documento è stato creato per essere utile a tutti i nuovi utenti,
-se qualcosa per te è stato poco chiaro non dare la colpa a te stesso -
-lamentati!
+Questo documento è stato creato per essere utile a tutti i nuovi
+utenti, se qualcosa per te è stato poco chiaro non dare la colpa a te
+stesso: lamentati!
 
 
 * COPIA
@@ -1072,8 +1188,8 @@ lamentati!
 
 La versione inglese di questo testo (disponibile nel file "TUTORIAL")
 deriva da una lunga serie di tutorial di Emacs che iniziò con quello
-scritto da Stuart Cracraft per il primo Emacs.  La versione italiana è a
-cura di Alfredo Finelli (address@hidden).
+scritto da Stuart Cracraft per il primo Emacs.  La versione italiana è
+a cura di Alfredo Finelli (address@hidden).
 
 Questo documento, come GNU Emacs, è coperto da copyright e viene
 distribuito con il permesso di farne copie a determinate condizioni:
@@ -1082,22 +1198,23 @@ distribuito con il permesso di farne copie a 
determinate condizioni:
    secondo i quali è possibile la copia e la distribuzione di questo
    documento è quella originale in lingua inglese contenuta nel file
    "TUTORIAL".  Qui di seguito se ne riporta una traduzione a scopo
-   indicativo, restando comunque inteso il fatto che è quella originale a
-   fare fede.
+   indicativo, restando comunque inteso il fatto che è quella
+   originale a fare fede.
 
 Copyright (C) 2003-2015 Free Software Foundation, Inc.
 
-   È permesso a chiunque copiare e distribuire attraverso ogni mezzo copie
-   fedeli di questo documento così come viene ricevuto, a condizione che
-   le informazioni sul copyright e sui permessi garantiti siano conservate
-   intatte e che il distributore riconosca a colui che riceve la copia il
-   diritto ad un'ulteriore distribuzione, che deve avvenire così come
-   definito in questa clausola.
+   È permesso a chiunque copiare e distribuire attraverso ogni mezzo
+   copie fedeli di questo documento così come viene ricevuto, a
+   condizione che le informazioni sul copyright e sui permessi
+   garantiti siano conservate intatte e che il distributore riconosca
+   a colui che riceve la copia il diritto ad un'ulteriore
+   distribuzione, che deve avvenire così come definito in questa
+   clausola.
 
-   È permesso distribuire versioni modificate di questo documento, o di
-   ogni sua parte, alle condizioni indicate precedentemente, purché esse
-   portino chiaramente indicato il nome di colui che le ha modificate per
-   ultimo.
+   È permesso distribuire versioni modificate di questo documento, o
+   di ogni sua parte, alle condizioni indicate precedentemente, purché
+   esse portino chiaramente indicato il nome di colui che le ha
+   modificate per ultimo.
 
 Le condizioni per copiare Emacs sono più complesse ma definite con lo
 stesso spirito.  Per favore, leggete il file COPYING e poi distribuite
-- 
nickname: Lele Gaifax | Quando vivrò di quello che ho pensato ieri
real: Emanuele Gaifas | comincerò ad aver paura di chi mi copia.
address@hidden  |                 -- Fortunato Depero, 1929.

reply via email to

[Prev in Thread] Current Thread [Next in Thread]